Niccolò Fabi – Flowers Festival (Torino) – 19 Luglio 2021

Niccolò Fabi – Flowers Festival (Torino) – 19 Luglio 2021
Condividi su

Ascoltare Niccolò Fabi in concerto al Flowers Festival di Collegno a Torino è stato come ritrovare un amico di vecchia data e riscoprire, immutato, il legame di un tempo. La bellezza della musica di Niccolò Fabi è eclatante, a tratti spudorata, capace di illuminare l’oscurità del dubbio con la certezza di una luce accesa.

Fabi, da sempre, è il cantore delle piccole cose, la sua musica è poesia minuziosa, che restituisce dignità ai protagonisti dei suoi testi. E i protagonisti siamo noi, ognuno con il suo volto, con la sua storia, così tanto diversa da risultare poi universale. Fabi ha ricevuto molti riconoscimenti, proprio in virtù di questa capacità universale di sentire un po’ oltre le righe. Due volte Targa Tenco con gli album “Ecco” e “Una somma di piccole cose”, Premio Amnesty International per “Io sono l’altro”: amato dalla critica come dal suo pubblico, Niccolò Fabi ha sempre messo al primo posto la scrittura e l’analisi, chiave di volta di una carriera artistica iniziata nel 1995.

Al Flowers Festival, Fabi racconta di sé, nelle chiacchierate sincere con il suo pubblico, come spesso ama fare nei suoi spettacoli: con riserbo, gentilezza. Sa scherzare sulla vena malinconica dei suoi pezzi, ne racconta aneddoti che hanno il sapore di un segreto condiviso con gli amici, come quello che sta dietro alla nascita di “Elementare”, nel 2012, al termine di un suo viaggio in auto verso Aix-en-Provence, in contatto quasi mistico con la natura e i suoi elementi, il conforto dopo una difficoltà, l’intuizione improvvisa dell’essenza del vivere da cui trarre ispirazione per creare e per andare avanti, oltre gli ostacoli.

Un viaggio nelle emozioni

Fabi è anche un artista generoso e musicalmente non si risparmia: al suo pubblico regala emozioni pure, una poesia che riesce a toccare le corde più remote, i dubbi e le mancanze. Ma è anche un artista generoso perché cede il posto da protagonista ai suoi compagni di viaggio, che condividono con lui il palco: Roberto Angelini, Alberto Bianco, Pier Cortese. Ognuno di loro, a turno, interpreta un pezzo e Fabi condivide il momento, accompagnando il tutto con la chitarra. In fondo, per lui, questa è davvero una festa straordinaria tra amici di sempre.

Un’anima che sa condividere è certamente un’anima più ricca di altre: Fabi ancora una volta che lo dimostra, e di certo abbiamo sentito la mancanza di un amico così, capace di raccontarti la vita con semplicità inattesa.

La scaletta del concerto al Flowers Festival e la photogallery dell’evento

Ecco la scaletta della data del Flowers Festival a Torino e la photogallery completa dell’evento!

Evaporare

Una somma di piccole cose

Filosofia agricola

É non è

Elementare

Il primo della lista

La promessa

Amori con le ali

Una buona idea

Diventi inventi

Te lo ricordi

Condor

Fantastico

Io sono l’altro

Ecco

Vince chi molla

Una mano sugli occhi

Costruire

Scotta

Facciamo finta

Il negozio di antiquariato

Lasciarsi un giorno a Roma

a cura e foto di
Emanuela Ranucci

Seguici anche su Instagram!
LEGGI ANCHE – Intervista a Davide Shorty per il Ginzburg Park Festival: dentro “fusion.”
LEGGI ANCHE – Niccolò Fabi – Vittoriale degli Italiani – 18 luglio 2021
Condividi su
Emanuela Ranucci

Emanuela Ranucci

Nata a Torino, laureata in Comunicazione multimediale con una tesi specialistica in Letteratura italiana contemporanea, nel 2001 inizia a lavorare in RAI come redattrice e assistente di produzione per la realizzazione dei programmi televisivi educativi di Raitre (Melevisione, Screensaver). Nel dietro le quinte della tv si innamora della fotografia, realizzando le sue prime foto di scena. Da quel momento non abbandona più la macchina fotografica, dedicandosi a reportage, backstage, eventi, concerti e still life. Attualmente si divide tra i progetti da fotoreporter&videomaker e la sua agenzia di comunicazione (Loom Collective) che ha fondato a Torino.Nel tempo che rimane, ama: viaggiare, sorseggiare il barbera, nuotare al mare (anche d’inverno), cantare (stonando) in sala prove.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *