Raffaella Carrà muore: il dj Bob Sinclair la ricorda

Raffaella Carrà muore: il dj Bob Sinclair la ricorda
Condividi su

È morta Raffaella Carrà a 78 anni dopo un tumore. La malattia, che le stava invadendo i polmoni da qualche mese a questa parte, l’ha distrutta il 5 luglio nel pomeriggio.

Il suo ex compagno Sergio Japino parla di Raffaella come una “forza inarrestabile”, una donna che non lasciò trapelare la sua sofferenza fino all’ultimo.

Raffaella Carrà è stata cantante, ballerina, conduttrice, attrice e autrice. Nacque il 18 giugno 1943 a Bologna e muore a Roma, in una clinica. Ricordiamo nella sua lunghissima carriera alcune tra le sue opere più importanti: esordì con “Tempo di danza” (1961) in televisione, approdò a “Canzonissima” e diventò la prima showgirl dello schermo in bianco e nero; presentò “Carramba! Che sorpresa” (1995-97 e 2002).

Fu conduttrice in “Domenica in” (1986) e come cantante ricordiamo “A far l’amore comincia tu” e “Tuca tuca sì”. Nel 2001 aveva presentato il Festival di Sanremo e nel 2013 era tornata come coach in “The Voice of Italy”.

Molti la ricordano e la compiangono, a partire dai familiari. Non ha avuto figli ma lei diceva di averne moltissimi, quasi 150 mila grazie al programma “Amore” che più di tutti le era rimasto nel cuore.

I ricordi di Bob Sinclair con la regina della tv

Bob Sinclair, il famoso dj francese che remixò “A far l’amore comincia tu” facendo diventare la canzone e Raffaella Carrà conosciutissime non solo in Italia ma anche in Francia e Spagna. Fu ed è tutt’ora un brano-simbolo delle comunità LGBTQ+ e Bob Sinclair la ricorda come una donna che illuminò la sua carriera.

Se l’avessi incontrata in un altro momento, se fossi stato un po’ più grande, probabilmente mi sarei innamorato di lei

Dichiara al giornale “Il Corriere della Sera”

Sempre Bob racconta, in francese, come Raffaella Carrà portasse gioia e come incarnò vere e proprie battaglie per le donne e i gay utilizzando la fama per essere utile a molte persone.

Lei e Bob sono diventati amici per questo. Bob Sinclair la chiamava spesso per sapere come stesse, lei gli raccontava dei suoi progetti e si confidavano.

Sempre nel Corriere della Sera Bob Sinclair parla della lotta di Raffella Carrà per la libertà sessuale che anche lui condivide, come non ci siano barriere religiose, etniche, di colori o generazioni nella comunità di cui facevano parte.

[…] Si chiedeva sempre cosa avrebbe potuto fare per gli altri, come avrebbe potuto utilizzare il suo successo per far del bene alle altre persone

Racconta Bob Sinclair

Secondo Bob, parlando con Il Messaggero, Raffaella Carrà ha preceduto Donna Summer, Madonna e Cher perché ha sfruttato la sua popolarità per diffondere messaggi potenti.

Tanto che Sorrentino inserisce proprio l’iconica canzone “A far l’amore comincia tu” in “La Grande Bellezza”

[…] non credetti ai miei occhi: l’aveva trasformata in un inno del mondo della notte, facendo ballare tutte quelle persone su un tetto nel centro di Roma. Fu emozionante

Racconta Bob Sinclair

Bob Sinclair sente Raffaella al telefono per l’ultima volta il 18 giugno e non le apparì triste e debole, era sempre energia e gioiosa.

Ed è così che la ricorderemo tutti. Ci rivedremo Raffaella Carrà, hai avuto una bellissima vita.

a cura di
Sara Sattin

Seguici anche su Instagram!
LEGGI ANCHE – Francesco Renga – Flower Arena Bellaria – 03 luglio 2021
LEGGI ANCHE – Hey Boomer! Non una semplice etichetta
Condividi su
Sara Sattin

Sara Sattin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *