Caravaggio tra forza e ispirazioni

Caravaggio tra forza e ispirazioni
Condividi su

Attendiamo il grande inizio del Musicultura Festival, da oggi 14 giugno al 19. Intanto abbiamo chiesto al cantante Caravaggio, uno degli otto vincitori che saliranno sul palco, di rispondere a qualche curiosa domanda.

Caravaggio con semplicità e sincerità ha risposto a tutte le nostre domande.

Il tuo nome d’arte, Caravaggio, ha un font particolare, ce lo racconti?

Il font è in realtà il make up che ho utilizzato nel video di “Le cose che abbiamo amato davvero”. Ho pensato di scannerizzare l’immagine e di usarla per creare un logo personalizzato.

Sappiamo che hai avuto la distonia spasmodica, ci spieghi meglio in che cosa consiste e cosa ti ha dato la forza di andare avanti?

La distonia spasmodica è una patologia rara che colpisce i muscoli del corpo, nel mio caso la laringe, provocando delle contrazioni involontarie. Questa cosa mi ha impedito di parlare in maniera fluida e quasi totalmente di cantare per anni.

La medicina occidentale non riconosce, attualmente, una cura per questa malattia, la salvezza è stata la mia caparbietà. Ho incontrato una persona speciale sudamericana con la quale ho fatto un percorso olistico di auto-guarigione, superando il problema.

“Le cose che abbiamo amato davvero” è piaciuta moltissimo e nel video vieni ripreso con e senza rossetto e con gli orecchini: sono simbolo di una presa di posizione nella comunità LGBTQ+ oppure una scelta puramente artistica?

Guardo con grande rispetto qualunque battaglia per i diritti, di qualsiasi essere umano. Devo essere sincero e dire che per me il make-up è un fatto puramente artistico.

“Il cielo su Mulholland Drive” sembra quasi parlare di anime perse ed è uscito durante il secondo lockdown dovuto al COVID-19, cosa ti ha ispirato a scrivere questa canzone?

Ho trovato ispirazione per scrivere questa canzone da lunghe chiacchierate estive con una mia carissima amica. Parlavamo del cinema e dell’opera di David Lynch.

La song è stata realizzata molto prima del covid, fu scioccante scoprire come avesse anticipato inconsapevolmente le atmosfere dell’umanità sotto pandemia.

Hai conquistato il palco di Musicultura e ci tornerai il 18 giugno insieme a nomi importanti come i Subsonica, come ti fa sentire la cosa? Hai in serbo qualcosa di particolare? Se sì, ce lo spoileri? Ti va di salutare il pubblico di The SoundCheck e dare qualche anticipazione sui tuoi progetti futuri?

È ovviamente un privilegio enorme per me poter suonare su quel palco, al fianco di grandi nomi della musica italiana. L’unica cosa che posso anticipare è il fatto che avrò dei look molto interessanti e vi invito a seguirmi per scoprirli.

Quest’estate uscirò con un nuovo singolo e spero di poter tornare a presentarlo agli amici di The SoundCheck. Grazie infinite e un abbraccio.

a cura di
Sara Sattin

Seguici anche su Instagram!
LEGGI ANCHE – “Mortal Kombat”: Wins or Finish Him?
LEGGI ANCHE – Boriani, fuori il nuovo singolo “F10”

Condividi su
Sara Sattin

Sara Sattin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *