Togliete il coprifuoco ai nostri sogni

Togliete il coprifuoco ai nostri sogni
Condividi su

Sembra che il coprifuoco non sia stato imposto solo per le attività mondane. A rimetterci, a causa della situazione drammatica che stiamo vivendo, sono in larga misura anche i giovani. Ragazzi e ragazze a cui rimane la paura e un sacchetto di sogni infranti per un futuro che non c’è.


Smarriti, stanchi, pensierosi, demotivati, delusi, illusi. Qual è la parola che più ci rispecchia in questo momento? Forse nessuna, forse tutte. 
Una generazione di anime in pena, sospese in un vuoto cosmico che inghiotte il tempo. Una situazione di immobilità che rende impossibile fare qualsiasi cosa, anche il semplice pensare al futuro.

Questa pandemia ci ha tolto la possibilità e la voglia di immaginare un futuro.

I giovani d’oggi non valevano un cazzo prima, figuriamoci adesso

C’era chi era pronto a ricominciare, a voltare pagina, chi aveva progetti in cantiere, chi sognava ad occhi aperti, chi aspettava l’opportunità giusta, chi se l’era creata per davvero lavorando sodo. L’Italia e i suoi ragazzi (sì, quelli che “non valgono niente”, proprio loro), era viva ed entusiasta, ma adesso si è come spenta.

Si parla di PIL, di denaro, di politica per bocca di vecchi personaggi visti e rivisti, ricoperti di errori da capo a piedi, fantomatici tuttologi che si limitano a fare gli opinionisti in tv nel nome di un orrendo cinismo. 
Ma chissenefrega delle vostre opinioni.
Sapete anche chi – in questa assurda vicenda senza colpevoli – sta soffrendo? Chi credeva nei propri sogni e li ha visti sfumare. 

State tranquilli, questo è solo un grido lanciato in un baccano di “cose più importanti a cui pensare”.

Ci penseremo più tardi a tutti quei giovani che in questo preciso momento si stanno chiedendo “che cosa farò della mia vita?”. A chi si è barricato, non solo in casa, ma soprattutto nella propria testa e non ha idea di come uscirne.
Ma chissenefrega se, senza una strada davanti, abbiamo iniziato a percorrerla a ritroso, ritrovandoci a vivere mentalmente nel nostro passato, sollevando dubbi su noi stessi che nessuno ora è in grado di risolvere. Perlomeno non da solo.

Chissenefrega se il mondo della cultura è fermo, se gli artisti di questo Paese stanno lentamente arrendendosi ad un presente che spaventa per la sua impotenza, nell’incertezza COSTANTE di non sapere se domani potranno riprendere il proprio lavoro. Un lavoro che coinvolge magari migliaia di altre persone attualmente immobili e invisibili…
L’Italia è il Paese della cultura, dell’arte e della bellezza solo quando fa comodo, vero?

Non chiedeteci come va, siamo persone irrisolte

Questa situazione fa soffrire tutti, anche chi resta in silenzio e risponde con un innocuo “va tutto bene” quando invece sta andando tutto a rotoli. Ci ricorderemo di questo periodo come quello dei grandi esami di coscienza, dell’insicurezza, delle domande, del silenzio, del coprifuoco ai sogni. 
Ci sentiamo giù e non sappiamo perché. Vorremmo parlarne ma non sappiamo cosa dire. Lavoriamo in smart working, leggiamo, ascoltiamo la musica, scriviamo, facciamo yoga, pilates, consumiamo film e serie tv. Ma che cosa rimane? 

Rimangono i pensieri in continuo movimento, i nodi irrisolti e la più umile rassegnazione. Come faremo a smuoverci da lì? Sarà ancora possibile? Come quando cadiamo nei sogni e ci risvegliamo di soprassalto. Stiamo fluttuando sentendo addosso la paura del dolore, ma non arriviamo mai a toccare terra.

E se l’attesa del piacere – dicono – sia essa stessa il piacere, non mi pento di dubitarne, oggi. L’attesa sa distruggerti da dentro. Logorare l’ottimismo, annegare le speranze, diluire il buonumore. 

Stay strong, se ci riuscite

Ciò che possiamo pensare, per non continuare a cadere in questo baratro infinito di domande e pensieri è che non siamo gli unici a sentirci in questo modo. Sono sentimenti che ci accomunano e che non devono farci sentire abbandonati a noi stessi. 

Siamo tutti fermi, è vero, ma ripartiremo insieme.

a cura di
Giovanna Vittoria Ghiglione

Seguici anche su Instagram!
LEGGI ANCHE – Pop Porno: il “geniale” podcast di Filippo Ferrari
LEGGI ANCHE –
Artisti emergenti, Uffici stampa, promoter: un articolo per voi
Condividi su

Giovanna Vittoria Ghiglione

Giovanna, classe 1992, è un’instancabile penna incallita. Per lei, le cose importanti passano tra inchiostro e carta: tutto il resto è noia. Impulsiva come Malgioglio davanti a un negozio di pashmine floreali, ha sempre trovato nella scrittura il rimedio più efficace contro gli errori della vita: scrivere significa pensare e pensare – purtroppo – non è da tutti. La musica ha sempre giocato un ruolo primario nella sua vita e scriverne è diventato presto un obiettivo da raggiungere. E se è vero che non è bello ciò che è bello ma è bello ciò che piace, a lei non piace proprio tutto: è passata, negli anni, da grandi classici della scena Pop dell’adolescenza, al Rock degli anni ‘90, fino all’Hip Hop – che sin da bambina ha amato grazie alla danza. Autentica sostenitrice della morte dell’Indie, oggi non ha un genere preferito nonostante le statistiche di Spotify evidenzino una grande tendenza Pop.

2 pensieri su “Togliete il coprifuoco ai nostri sogni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *