Valentina Parisse – All Together Now 2020 – La Musica è Cambiata

Valentina Parisse – All Together Now 2020 – La Musica è Cambiata
Condividi su

Abbiamo fatto quattro chiacchiere con Valentina Parisse, l’artista romana parte della giuria del programma televisivo All Together Now in onda il mercoledì sera su canale 5 condotto da Michelle Hunziker.

Valentina Parisse fin dalla giovane età ha le idee molto chiare su quello che vorrà fare da grande.

La sua è una famiglia molto semplice, papà ferroviere e mamma casalinga. Per poter continuare gli studi, appena compiuti 14 anni, ha cominciato a lavorare in studio di registrazione.

A 18 anni con i suoi risparmi è andata in Canada, completamente sola. Per mantenersi ha lavorato in un ristorante dove il suo impiego era girare la carrucola con i piatti sporchi dalla sala ai lavapiatti.

Nonostante tanta fatica è riuscita a realizzare il suo sogno: il primo disco internazionale “Vagabond”. Tornata in Italia è stata premiata da fortunati sold out al Blue Note e all’Auditorium Parco della Musica.

Il suo percorso ha lasciato una grande impronta sulla sua musica che affronta temi profondi, sempre in una chiave moderna, che dà alle persone la forza di affrontare gli ostacoli con la leggerezza.

foto di Laura Sbarbori

Valentina è un’artista di Universal/Polydor, ha suonato con Phil Palmer, cantato davanti al Presidente Mattarella Bruce Springsteen, partecipato a Sanremo 2020 in veste di autrice di Michele Zarrillo, scritto anche per Renato Zero (anche un nuovo brano nell’album uscito di recente), lavorato coni vincitori dei Grammy e Dischi del Platino.

Ciao Valentina prima di tutto è un piacere averti qui con noi, come stai?

Sono molto felice anche io di essere qui con voi, sto molto bene nonostante questo periodo particolarmente difficile che stiamo tutti vivendo.

Una domanda che abbiamo fatto a tutti gli artisti: come hai passato il lockdown?

Quando a marzo la pandemia è iniziata ho affrontato il primo lockdown con grande, grandissima energia, nella speranza fosse soltanto un problema passeggero. Ho provato un forte disorientamento iniziale, ma poi mi sono aggrappata con tutte le mie forze alla mia musica scrivendo, cantando e immergendomi nel mio mondo.

Una delle cose che più detesto di questa tremenda pandemia, è il doversi allontanare dalle persone che più si amano affinché non li si metta a rischio, e ho sentito la profonda mancanza della mia famiglia, dei miei amici dei miei colleghi di tutti i miei cari in generale.

Devo confessarti che proprio non immaginavo che adesso ci potessimo trovare ancora in questa pesante situazione, che mette a dura prova tutti quanti, me compresa. Non vedo l’ora che ci si torni ad abbracciare senza la paura che un semplice gesto di affetto sia così pericoloso.

foto di Laura Sbarbori
Hai utilizzato questo tempo di forzatura in casa per lavorare a qualche nuovo progetto?

Assolutamente sì, ho scritto e sto scrivendo ancora tantissimo sia per me che per altri artisti e questo mi aiuta. La musica è uno strumento di salvezza!

A 18 anni sei andata in Canada con i tuoi risparmi e completamente sola accettando lavori umilissimi, pur di realizzare il tuo sogno e ce l’hai fatta. Cosa ti senti di dire a chi vorrebbe o sta inseguendo il proprio sogno con tanti dubbi, paure e senza sostegno ?

Hai riassunto tu perfettamente una parte del mio percorso che per me è stato fondamentale. La forza più grande sono i nostri sogni, non importa quanto piccoli o grandi essi siano. Sono loro la vera benzina che ci fa muovere e che può portarci davvero lontano.

Non credo di essere nella posizione di poter dare consigli, ma posso dire, basandomi sulla mia esperienza a tutti coloro che stanno inseguendo il loro sogno, di non arrendersi mai anche quando ti viene sbattuta una porta in faccia o qualcuno prova a dirti di non farlo.

C’è un detto molto popolare che mi piace un casino e dice: “È impossibile finché qualcuno lo fa”. Ci credo molto. Quindi sì, ascoltare i consigli di tutti, mettersi in discussione e mettersi alla prova ma poi alla fine tirare le somme ed avere il coraggio di essere se stessi e perseguire la propria strada.

Hai cantato davanti a figure istituzionali come il presidente della repubblica Matterella, ma com’è cantare davanti al “The Boss” Bruce Springsteen?

È stata un’emozione incredibile difficile riassumerla in poche parole. Peraltro io non sapevo che oltre all’importantissima presenza del presidente Mattarella ci sarebbe stato anche Springsteen, mi hanno avvertita soltanto all’ultimo!

Per me il Boss rappresenta non solo un punto di riferimento musicale ma anche umano. Il suo è stato ed è un percorso straordinario fatto di lotte sociali che io condivido. Sono anche grandissima fan di sua moglie Patti Scialfa, presente ovviamente all’evento in cui mi sono esibita. In questi giorni sto ascoltando l’ultimo album “Letter to you” realizzato in studio con la E Street Band, semplicemente fantastico.

foto di Luz Gallardo
Sanremo 2020 autrice di Michele Zarrillo, hai scritto per Renato Zero, hai lavorato con vincitori dei Grammy e Dischi di Platino. Valentina, ti senti più cantante o autrice?

È un’ottima domanda! Non credo io mi senta più cantante o autrice, sono sempre io è sempre il mio modo di essere e di vivere la musica che scrivo.
Sai a volte mentre si scrive una canzone ci si lascia andare e quando alla fine l’ascolti può capitare che ti rendi conto che quel messaggio nello specifico potrebbe essere perfetto per un altro artista.

Io sono molto grata a tutti i colleghi che mi hanno coinvolta nei loro mondi perché mi hanno arricchita e continuano ad arricchirmi ogni volta che mi metto a loro disposizione come autrice. Inoltre mi piace ascoltare le persone, le loro storie i loro punti di vista. Ogni volta è come crescere di più, imparare qualcosa che non sapevo e per me tutto questo è fondamentale.

Per la terza volta sei nel cast della giuria di “All Together Now”, in onda su Canale 5 in prima serata ogni mercoledì, e ti facciamo un grande in bocca al lupo. Che aria si respira dietro le quinte in un momento purtroppo come questo, considerando anche che quello degli spettacoli è uno dei settori più colpiti da questa pandemia?

Mentre registravamo io assieme a tutti i miei colleghi ci siamo spesso detti “Quanto siamo fortunati in questo momento ad essere qui, a cantare fare musica e stare insieme”.

È stato molto complicato perché abbiamo seguito giustamente un rigidissimo protocollo di prevenzione, ma al contempo è stato bellissimo perché per un momento ci siamo lasciati alle spalle il dolore che tutti proviamo per questa situazione che stiamo vivendo per cercare di dare il nostro meglio e cantare con tutta la nostra anima.

Le prime due edizioni sono state così belle e spensierate, ma credo che questa nuova sia ancora più speciale e che sarà un’esperienza che porteremo sempre con noi.

Quanto ti manca il live?

Moltissimo. Pensa che la prima volta che sono salita sul palco con le mie canzoni avevo 14 anni, era un piccolo evento davanti alla sede del Comune di Ciampino dove sono cresciuta, e ancora ricordo quell’emozione e gli occhi di mia mamma così pieni di orgoglio.

Il live è una dimensione fondamentale, per me è il contatto con il proprio pubblico, e dove le canzoni prendono una nuova vita e diventano condivisione.

Inoltre mi mancano i miei amici, la squadra che mi accompagna che come fosse una seconda famiglia. Non vedo l’ora che tutto questo faccia di nuovo parte della nostra quotidianità.

Prossimo progetto?

Sto scrivendo tanto sia per me che per altri artisti che stimo profondamente, e presto ci sarà il mio nuovo singolo!

Grazie a Valentina Parisse per essere stata con noi, prima di lasciarci cosa ti senti di dire a tutti i nostri amici lettori che stanno affrontando questa seconda ondata?

Grazie a voi per avermi ospitata, è stato davvero un grande piacere. Il mio augurio è quello di tenere duro, di farsi forza e tanto coraggio perché per quanto buia possa essere la notte c’è sempre un’alba che ci aspetta e la nostra, di tutti, sarà bellissima.

foto di Laura Sbarbori

Valentina Parisse sarà prossimanente con noi in diretta e potremo chiederle altre curiosità ed ascoltarle direttamente della sua voce! nel frattempo non perdetela al “All Together Now”

a cura di
Enrico Ballestrazzi

Seguici anche su Instagram!
LEGGI ANCHE- “Dalla”: Il Capolavoro Di Lucio In Una Legacy Edition
LEGGI ANCHE- DIBASE: Dal Calcio Alla Musica, Una Storia D’amore
Condividi su

Enrico Ballestrazzi

Fotografo per passione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *