Moscardi ha scritto una canzone che fa venir voglia di innamorarsi

Moscardi ha scritto una canzone che fa venir voglia di innamorarsi
Condividi su

Francesco Moscardi, in arte Moscardi, è un cantautore classe ’94 che lo scorso 29 maggio ha pubblicato il suo terzo singolo dal titolo “Happiness“. Perché ve ne parlo? Perché ascoltando questa canzone mi è venuta una gran voglia di innamorarmi, di andare a fare una lunga passeggiata solo per gioire di piccole ma potenti sensazioni, come il calore del sole sulla pelle, o l’abbraccio di un amico, o qualsiasi cosa bella vi venga in mente.

Ve ne parlo perché con questo nuovo, intimo brano, Moscardi ci offre una lente di ingrandimento con cui scrutare tra i dettagli della nostra quotidianità, vederne l’incommensurabile, intrinseca bellezza, e prendercene cura un po’ di più, un po’ più spesso.

Ho scambiato due chiacchiere proprio con lui, Moscardi, spaziando tra innamoramenti adolescenziali che danno vita alle canzoni di oggi e scenari alternativi di un futuro non troppo lontano.

Di seguito l’intervista.

Moscardi, come il vino? Spiegaci la scelta di questo nome d’arte.

La risposta è tanto banale quanto significativa: il nome d’arte “Moscardi” non è altro che il mio cognome. E’ una scelta, presa di comune accordo coi ragazzi di iSugo Records, che mi piace e che mi rappresenta molto; infatti oltre ad essere il nickname con cui mi chiamano spesso i miei amici musicisti, “Moscardi” mi riporta alle origini e, nello specifico, alla mia famiglia, ovvero l’ambiente in cui è nata la mia passione per la musica.

L’abbinamento del colore (rosso) dei miei capelli con quello del vino è avvenuto in un secondo momento e per ora rimane solo un accostamento fantasioso.

“Happiness” è un brano scritto interamente in italiano, fatta eccezione per il titolo. Come mai “happiness” e non “felicità”?

Il motivo è che “Happiness” è nata in inglese e, più precisamente, deve il suo titolo alla citazione del film “Into the wild” (Happiness only real when shared – La felicità è reale solo se condivisa).

Quando poi ho cominciato a scrivere in italiano e a tradurre tutte le mie prime canzoni, ho notato che la parola “happiness” si sposava perfettamente alla melodia che avevo, sia a livello metrico che di suono, mentre “felicità” non aveva lo stesso impatto. A quel punto, dopo qualche tentennamento iniziale, mi sono convinto a mantenere il titolo originario ed è così che è nato questo strano ibrido.

La tua canzone fa venir voglia di innamorarsi. Che effetto speravi sortisse sugli ascoltatori quando l’hai scritta?

Grazie mille, mi fa molto piacere questa cosa che dici. Quando ho scritto “Happiness” avevo 18 anni ed ero follemente innamorato e, come tutti gli adolescenti innamorati, non ero così lucido da pensare all’effetto delle mie azioni – né tantomeno di una mia canzone – sugli altri.

Col senno di poi, però, devo dire che spesso ritrovo in quelle parole gli stessi consigli che do a me stesso e agli altri ancora oggi: sarà un caso o significa che ancora non ho imparato nulla?

Immagina di avere la possibilità di suonare dal vivo la tua nuova canzone. Descrivici quel live, così come lo vedi nella tua testa.

A differenza di altre canzoni che ho scritto, “Happiness” ha un’anima intima ed il suo ambiente ideale sarebbe questo: salotto di casa, camino acceso, cuscini per terra, vino e luci soffuse. Un’atmosfera delicata creata dai suoni acustici e dal brusìo naturale delle persone.

Se però mi chiedi dove desidererei cantarla, beh allora anche S.Siro potrebbe andare bene.. (ride)

Saluta gli amici di The Soundcheck con una citazione di un tuo brano!

Saluto e ringrazio di cuore gli amici di The Soundcheck, con l’augurio di continuare a svolgere il vostro ruolo fondamentale per la musica emergente e per l’arte in generale.

Sono certo che ogni risultato che raggiungerete vi arricchirà come persone perché sarà “il traguardo di un percorso condiviso”.

a cura di
Annalisa Senatore

Seguici anche su Instagram!
LEGGI ANCHEAdduci e l’arte di tradirsi
LEGGI ANCHE“Mare”, il nuovo singolo di Alfiero è la storia di una bimba africana

Condividi su
Annalisa Senatore

Annalisa Senatore

Annalisa all’anagrafe, ma sul web e nel cuore lei è @annamatita_. Nata e cresciuta a Siracusa, ha una laurea in psicologia, una in neuroscienze, un master in comunicazione digitale eeeee Macarena! Vive a Bologna dal 2015 ed è proprio in questa meravigliosa città che ha conseguito la prestigiosa specialistica in “Casi umani: dove trovarli (e lasciarli)”. Social media manager, press officer, sniffatrice seriale di libri, sosia ufficiale di Amy Winehouse e orgogliosissima Serpeverde.

2 pensieri su “Moscardi ha scritto una canzone che fa venir voglia di innamorarsi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *