“Cosa ti è successo” è la domanda universale che ci pongono i Kuadra

“Cosa ti è successo” è la domanda universale che ci pongono i Kuadra
Condividi su

La pubblicazione del nuovo video Mio padre (pubblicato oggi per la festa del papà) e questo periodo di quarantena, sono stati la scusa perfetta per recuperare l’ultimo album dei Kuadra, una band complicata, stratificata, assurda, che ha suonato in lungo e in largo non solo in Italia ma anche in Europa, nonostante i testi in italiano.

Questo perchè, nonostante lo storytelling e le belle parole della band lombard non sia assolutamente da ignorare, le sonorità, tra rock, trap (con un insolito e decontestualizzato utilizzo dell’autotune) ed elettronica, conquistano sin dal primo ascolto, purtroppo piuttosto tardivo (il disco è uscito ad ottobre).

Cosa ti è successo è un incontro con diversi personaggi, uno per ogni traccia, personaggi che vedi sempre e con i quali non interagisci mai (come è il caso della senza tetto Trashlady), altri colmi di rimpianti, altri che non conosciamo neanche.

Ed ecco che si accumulano le storie, le conversazioni e le domande, e comincia una malinconia estrema e martellante che, in tempi di Coronavirus, fa ancora più effetto e, forse, è stata una fortuna scoprirlo in questo periodo.

Un disco violento, in tutti i sensi, in cui si sente l’influenza di quella scena rock dei primi anni Duemila (anche grazie alla produzione artistica di Giulio Ragno Favero) che avevamo asfaltato su scene di it-pop, i virtuosismi elettronici dei synth di Kole Laca (sempre de Il Teatro Degli Orrori) e una passione musicale, senza calcoli e strategie, che fa piacere e anche un po’ piangere.

a cura di
Conza Press

Seguici anche su Instagram!

LEGGI ANCHE – Ascolta in anteprima “Specchio”, il nuovo EP di Aku
LEGGI ANCHE – “Penisola” è il debut album di Bartolini fuori il 3 aprile

Condividi su
LEGGI ANCHE  Quell'Indiano di Marco "Benny" Pretolani

Conza Press

Un pensiero su ““Cosa ti è successo” è la domanda universale che ci pongono i Kuadra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *