Laila Al Habash – Mole Vanvitelliana, Ancona – 25 agosto 2022

Laila Al Habash – Mole Vanvitelliana, Ancona – 25 agosto 2022
Condividi su

La cantante italo-palestinese, astro nascente della musica italiana, torna per la seconda volta in questo 2022 nelle Marche

Laila Al Habash chiude l’edizione dello Sconcerti Festival 2022 con il concerto del 25 agosto alla Mole Vanvitelliana di Ancona.

Un’occasione imperdibile per ascoltare una discografia già ricca di singoli interessanti, raccolti in particolare nel disco d’esordio Mystic Motel, edito da Undamento nel 2021 e prodotto da Niccolò Contessa.

Laila Al Habash
Laila Al Habash – Mole Vanvitelliana, Ancona – 25 agosto 2022

Ma le prime canzoni con cui Laila ha iniziato a farsi conoscere confluivano già in Moquette. Abbiamo potuto apprezzare nella serata dorica i brani (come Flambè e Soffice), contenuti proprio nel primo EP, prodotto da Niccolò Contessa de I Cani, con il contributo di Strabber.

Un live davvero intimo, dove colpisce la preponderante presenza giovanile

Laila tratta nelle sue canzoni i sentimenti più intimi e fragili, quali l’amore e l’amicizia. Uno di questi brani è Ponza, come una ventata di aria fresca, dal ritmo piacevole che si annida in testa. Potreste facilmente canticchiarla tornando a casa!

Mentre Oracolo è un brano che ognuno di noi può cucirsi addosso, poiché dedicato alla propria mamma. Laila declina in un brano profondo una sorta di lettera a lei rivolta.

Laila Al Habash
Laila Al Habash

La giovane cantante romana non ha mai nascosto le sue fonti di ispirazione, che ha identificato in Mina e in Raffaella Carrà. Ma lasciandosi andare ad una immancabile cover, la scelta di Laila è ricaduta su Bambina di Pino Daniele, nella quale la cantante ha confessato di rispecchiarsi.

Accompagnata sul palco dalle abilissime Plastica alle tastiere e Danila Guglielmi alla batteria, Laila si avvicina alla conclusione del concerto con i brani Brodo e Gelosa. All’ultimo brano il pubblico presente non riesce più a contenersi nei posti a sedere, e riempie il sottopalco di Laila, regalandole l’emozione più grande della serata.

Cosa rimane al termine di un concerto di Laila Al Habash? Senza ombra di dubbio la consapevolezza di trovarsi di fronte ad un’artista in essere, capace di coniugare l’energia che sprigiona sul palco nella delicatezza e nell’intimità che traspare dai suoi brani.

E a giudicare dal successo che riscuote fra i giovani non possiamo che prospettare a lei un futuro più che roseo.

Scaletta
  1. Sunshine
  2. Abbagli
  3. La fine tua
  4. Complimenti
  5. Ponza
  6. Oracolo
  7. Soffice
  8. Flambè
  9. Sbronza
  10. Bambina
  11. Baby
  12. Fotoromanzi
  13. Doppio taglio
  14. Pianeta
  15. Sabbia
  16. Brodo
  17. Gelosa

a cura e foto di
Emmanuele Olivi

Seguici anche su Instagram!
LEGGI ANCHE – A Milano GERMI al Castello, di Manuel Agnelli
LEGGI ANCHE – Coldplay, aggiunta la quarta data a Milano
Condividi su
Emmanuele Olivi

Emmanuele Olivi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *