La Paris Fashion Week si apre con un omaggio

La Paris Fashion Week si apre con un omaggio
Condividi su

Si torna a sfilare anche a Parigi

Dopo le città di New York, Londra e Milano, il primo mese della moda live dopo due anni di stop, si conclude con la Paris Fashion Week autunno inverno 2022-2023. In un momento così complicato per l’Europa la moda continua a viaggiare da un paese all’altro, mixando influenze e creando occasioni di incontro. Si è appena conclusa la Milano Fashion Week 2022, un evento che ha posto l’attenzione su parole come inclusione, diversità e moda etica. Il cui finale ha visto una forte presa di posizione da parte di “re” Giorgio Armani, lo stilista con la sua sfilata muta ha voluto lanciare un messaggio contro la guerra in Ucraina. È in questo clima teso che parte con grande suspense anche la settimana della Haute Couture di Parigi, aperta dal brand Vaquera, seguito da Weinsanto e da Off/White.

Paris Fashion Week
Gigi Hadid sfilata Off/White Collezione Autunno/Inverno 2022-23
Off/White: diciamo addio a Virgil Abloh lo stilista polivalente

Un’apertura quella della Paris Fashion Week segnata fin da subito da forti emozioni. In questa prima giornata del 28 febbraio 2022, si è tenuta la sfilata tributo a Virgil Abloh, l’eclettico e talentuoso stilista statunitense prematuramente scomparso all’età di soli 41 anni lo scorso novembre. Un figura artistica a tutto tondo, stilista, precedentemente direttore artistico di Louis Vuitton, designer, deejay e anche ingegnere a cui si deve il termine multi-hyphenate, applicato oggi ad un nuovo genere di creativi meno facili da incasellare in rigide categorie. Artisti in grado di spaziare esprimendosi attraverso varie discipline, da praticare separate o fuse fra loro, dando origine a generi mai visti prima.

“Io faccio cose e lascio che siano gli altri a definire cosa sono.”

(Virgil Abloh)

All’evento presenti molti personaggi famosi della moda e dello spettacolo, ad omaggiarlo in passerella hanno sfilato grandi nomi come Bella e Gigi Hadid, ma anche Naomi Campbell, Helena Christensen e Amber Valletta. Modelle e modelli hanno percorso la loro passerella sostenendo fieri delle bandiere con impressa questa scritta: “Question everything” ossia “Poniti domande su ogni cosa”.

“Question everything” – Off/White Collezione Autunno/Inverno 2022-23

L’ultima grande invenzione di questa mente creativa è una collezione che fonde più stili insieme sia nei tagli dei capi che nello show presentato in passerella. Elementi di street-wear e dell‘abbigliamento sportivo mescolati a dettagli sartoriali. Protagonista Bella Hadid, top-model iconica e grande amica dello stilista che fa il suo ingresso in vestito da sera e sneaker, portando in mano un paio di scarpe tacco a spillo. Seguita da un’altra icona della moda contemporanea Kendall Jenner, nel suo little black dress rivisitato in una versione sicuramente lontana dal bon ton, iper stretto e micro, abbinato non ha una pochette, ma a niente meno che ad un simbolo della cultura pop: una lattina di soda.

Paris Fashion Week
Bella Hadid sfilata Off/White Collezione Autunno/Inverno 2022-23
Paris Fashion Week
Kendal Jenner sfilata Off/White Collezione Autunno/Inverno 2022-23

La seconda giornata della Paris Fashion Week si avvia con firme storiche come Christina Dior e Saint Laurent che non mancano di colpire con il loro sfarzo.

Dior: quando l’arte incontra la moda

Dior sfila in un hangar a dir poco scenografico, dove grandi volti di importanti donne del passato occupano interamente lo spazio, un ciclo di opere intitolato “The Next Era” dell’artista femminista Mariella Bettineschi. Dalla Giocanda, alla Primavera di Botticelli quella delle sue modelle è una passerella tra le icone. Innovazione, arte e concretezza si incontrano.

Paris Fashion Week
Dior Sfilata Off/White Collezione Autunno/Inverno 2022-23, “The Next Era” di Mariella Bettineschi

In questa collezione la designer Marie Grazie Chiuri ha collaborato con D-Air Lab, laboratorio di ricerca scientifica creando corsetti con gli airbag delle auto, giacche modellate come la BarJacket (un capo classico di Dior), ma termoregolatori e scarpe con delle cavigliere che rendono più comoda la camminata. Tutto è improntato su eleganza e comodità.

Stupendoci fin dall’ingresso del primo capo, una lunga tuta aderente, di ispirazione futurista, apparsa luminosa per la sua fantasia curvilinea che a contatto con l’oscurità diventa fluorescente, trasportandoci in un’atmosfera sospesa, accompagnata da musica elettronica.

Saint Laurent: una notte chic

Saint Laurent torna più agguerrito che mai, con una sensualità dark e aggressiva che conquista la passerella. Le modelle fanno la loro catwalk come dive di altri tempi, avvolte in pellicce che sotto nascondo abiti sottoveste. Il colore dominate? Ovviamente il nero. La collezione disegnata da Anthony Vaccarello è sofisticata ed oscura. E fa il suo ingresso con una sfilata che si tiene rigorosamente in notturna all’ombra della Torre Eiffel, in pendant con il suo tema.

Le modelle appaiono come donne intriganti, dalla forte impronta erotica. Uno stile deciso, occhiali da sole neri che coprono il volto e aumentano il mistero. Linea total black, con pochissime deroghe sulle tonalità nude, illuminata da dettagli argento. Una collezione che difende bene l’identità del brand, muovendosi in un apparente semplicità, in realtà risultato di meticolose ricerche.

“Non esiste un nero, ma dei neri.”

(Yves Saint Laurent)

Da sottolineare la scelta cruelty-free, anche Saint Laurent rinuncia alla vera pelliccia, assecondando i trend animalisti e eco-friendly emersi negli ultimi anni. La sua è una sensualità severa, geometrica, per niente urlata, ma da scoprire, caratteristiche assolutamente conformi alla moda parigina. Già applaudita dalla stampa internazionale come “la miglior sfilata di Anthony Vaccarello fino a oggi”.

Saint Laurel
Saint Laurent Collezione Autunno/Inverno 2022-23
Saint Laurel
Saint Laurent Collezione Autunno/Inverno 2022-23

Quest’anno è di tendenza il match Haute Couture e Sportwear, come Gucci a Milano anche Koché a Parigi sperimenta questa tendenza. Christelle Kocher la designer del giovane brand nato nel 2015, ha un solo obiettivo: conciliare la tradizione dell’alta moda con suggestioni contemporanee. Modelle dalle acconciature rigorosamente raccolte portano piercing gioielli come diamanti, indossando gonne a balze abbinate con pullover oversize, giacche della tuta o felpe cortissime al limite del crop top e con un grande classico le calze a rete, nere o nude, decorate con fantasie di pizzo.

Kochè Collezione Autunno/Inverno 2022-23

Questi primi giorni della Paris Fashion Week ci dimostrano l’impronta di Parigi. Ogni città ha il suo stile e la sua influenza. Nessuna sfilata è paragonabile ad un’altra ed i brand che contano sono quelli che sanno sempre distinguersi. Un ritorno alla normalità sperato, ma anche accompagnato da tematiche sensibili legate alla storia odierna; saranno sicuramente giorni pieni di sorprese! Nell’aria già preannunciato dalle Fashion Week di New York e Milano, si sente un bisogno di contemporaneità, di svolta culturale non solo nella moda, ma nel mondo. Giornate che entreranno nella storia del costume, come i primi grossi eventi fashion dal vivo a seguito della pandemia.

a cura di
Francesca Calzà

Seguici anche su Instagram!
LEGGI ANCHE – Ultimi giorni della Milano Fashion Week: un bilancio
LEGGI ANCHE – Milano Fashion Week 2022: le prime passerelle
Condividi su
Francesca Calzà

Francesca Calzà

Un pensiero su “La Paris Fashion Week si apre con un omaggio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *