Being the Ricardos: una storia d’amore sul set

Being the Ricardos: una storia d’amore sul set
Condividi su

Rappresenta il ritorno cinematografico di Aaron Sorkin, una storia d’amore tra realtà e finzione televisiva

Il 21 dicembre 2021 è uscito su Prime Video, Being the Ricardos (titolo italiano A proposito dei Ricardo), diretto da Aaron Sorkin e interpretato da Nicole Kidman e Javier Bardem.

Nella carriera di Sorkin, il genere biopic : genere cinematografico basato sulla ricostruzione della biografia di un personaggio realmente esistito. Anche in questo caso, confermando quanto l’analisi del passato sia un ottimo pretesto per criticare in modo intelligente e sprezzante il presente, nello specifico l’industria televisiva statunitense e l’universo hollywoodiano.

Trailer – Being the Ricardos
Di cosa parla Being the Ricardos

Il film è costruito come se fosse un documentario girato in tempi recenti, in cui si ripercorre una settimana cruciale per la storia di I love Lucy, sitcom andata in onda tra il 1951 e il 1960 (in Italia sono usciti solo 13 episodi, con il titolo Lucy ed io), per 6 stagioni e 180 episodi totali.

I love Lucy ebbe un successo straordinario, di fatto rivoluzionando il modo di fare certe serie tv (basti pensare all’uso di tre telecamere sul set), ma in quella settimana del 1952 tutto rischiò di finire dopo appena una stagione e qualche puntata della seconda.

Questo perché in un programma radiofonico molto seguito fu rivelato che Lucille Ball, era una comunista, in un’epoca in cui, tra maccartismo e J. Edgar Hoover, essere comunisti negli USA significava essere estromessi da qualunque ruolo di prestigio professionale.

Il film quindi ci mostra come andò quella settimana, e come agirono la CBS, gli sponsor (in particolare la Philip Morris) e soprattutto i protagonisti della vicenda, Lucille Ball (Nicole Kidman) e Desi Arnaz (Javier Bardem), il musicista e attore cubano suo marito nella vita e sul set con il nome di Ricky Ricardo.

Being the Ricardos- Javier Bardem
Una storia d’amore tra realtà e finzione televisiva

Durante lo svolgimento del film il regista ci mostra, attraverso l’utilizzo di numerosi flashback, come la relazione della coppia hollywoodiana sia più vera sul set della sitcom di quanto non lo sia a riflettori e telecamere spente.

In tal modo possiamo vedere l’inizio della relazione, la loro precedente carriera e anche tutti i passaggi che hanno portato all’ideazione di uno degli show televisivi più famosi e apprezzati di sempre.

La trama a tratti risulta confusa, ma riesce comunque ad esprimere il grande tema che regge il film, ovvero il confine tra realtà e finzione che viene infranto più volte dai protagonisti.

Il paradosso più assurdo, è quello che accade agli attori dietro la serie sembra essere un’estensione di un episodio della stessa sitcom, elemento valorizzato dall’estraneazione alienante di Lucy che visualizza, in sequenze in bianco e nero, le sue ipotetiche correzioni alla sceneggiatura dello show.

Inoltre, se all’inizio si può pensare che la storia d’amore reale dei due personaggi principali sia ovviamente quella per la quale combattono di più, andando avanti con la trama, si comprende sempre di più che il rapporto di finzione tra i due è quello più stabile.

Interpreti straordinari, che si muovono con grazia e armonia

Il film deve gran parte del suo successo al cast strepitoso coinvolto: in primis Javier Bardem e Nicole Kidman, ma anche J.K. Simmons nel ruolo di William Frawley.

In particolare, i due attori riescono efficacemente a dipingere i loro alter ego, muovendosi su schermo con grazia ed armonia, con interpretazioni calibrate in modo perfetto, raffinate, che mettono in luce la complessità dei personaggi e le loro fragilità.

Kidman interpreta perfettamente una Lucille Ball, che dietro uno scudo di dispotismo è ossessivamente sempre alla ricerca di una vita da star perfetta.

Invece, Bardem, mette in evidenza le qualità seducenti e il fascino di Desi, ma anche il suo lato oscuro, tra i suoi continui tradimenti e il pericoloso potere mediatico che suscita un attore di questo calibro.

Being the Ricardos – Lucille Ball (Nicole Kidman) e Desi Arnaz (Javier Bardem)
Conclusioni:

Being the Ricardos, racconta una storia “troppo statunitense” (al contrario dei temi “troppo italiani” de Gli occhi del cuore, come direbbe Stanis di Boris).

Ci si aspetta che la comicità sia il punto forte, ma il messaggio è ben diverso, ovvero che in un periodo difficile della vita, si preferisce vivere nella finzione più che affrontare le avversità che la vita stessa ci mette davanti. E lo vediamo nel finale del film, quando per la prima volta Lucy riesce ad affrontare il tradimento da parte di Desi.

Nonostante il film duri ben 2h e 12 minuti, è un film coinvolgente che parla di attualità in chiave intelligente e funzionale. La storia d’amore di Desi e Lucille, mette in evidenza tutti i limiti e gli eccessi del divismo, andando a criticare l’industria televisiva e cinematografica americana.

A cura di
Sofia Neri

Seguici anche su Instagram
LEGGI ANCHE – West Side Story: il tributo di Spielberg
LEGGI ANCHE – Monterossi: la serie disponibile su Amazon Prime Video
Condividi su
Sofia Neri

Sofia Neri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *