Il tailleur…ad oggi

Il tailleur…ad oggi
Condividi su

Un piccolo excursus sul must-have di ogni donna

Chi di noi non si è mai affidato all’elegante e formale tailleur per un evento importante quale un colloquio di lavoro, il battesimo della nipote o una cena aziendale?

Il tailleur è un completo composto solitamente da due pezzi di vestiario, giacca o jaquette e pantalone/tubino ricavati dallo stesso tipo di stoffa (esiste anche lo “staccato”!). Il tutto viene di solito completato da una camicia con scollatura variabile e scarpina elegante come le dècolletèe.

Ma quello che non tutti sanno è che il tailleur è inventato per la prima volta nel 1885. Lo stilista inglese John Redfern lo inventò per la principessa del Galles. Indossato la mattina è un capo che urla indipendenza femminile in quanto è adattato al tipico completo maschile.

Fu però Coco Chanel che lo fece diventare famoso con la caratteristica giacca senza colletto e l’uso del tweed, un materiale in seta e lana dai toni pastello o accesi.

Tipico tailleur di Coco Chanel. 1957. Fonte: Pinterest

Tra gli anni ‘50 e ‘60 il tailleur era indossato da una borghesia chic, indipendente e moderna. Usato soprattutto dalle americane per mantenere una certa eleganza e comodità. Jackie Kennedy, Audrey Hepburn e Romy Schneider sono solo alcune delle dive che adorarono questo famosissimo completo.

Audrey Hepburn in tailleur 1963. Fonte: Pinterest

Ad oggi moltissimi stilisti l’hanno riproposto e molte modifiche sono state fatte.

Fin dalle sue prime collezioni Giorgio Armani propone il “Power Dressing” di cui il tailleur è fondamentale. È proprio lo stilista italiano che propone un concetto di donna moderna, attiva e lavoratrice. Una donna che è sempre più simile all’uomo. Attraverso il tailleur la donna va a lavoro ma porta anche il cane a passeggio, va a prendere i figli a scuola e conclude la giornata con una cena tra amiche.

Tailleur Armani. Fonte: Pinterest

Yves Saint Laurent mostrò la sua personale idea di tailleur ricreano uno stile androgino. Il suo tailleur infatti, è l’adattamento di un gessato maschile alle forme femminili.

Tailleur Yves Saint Laurent “La collection du scandale” 1971. Fonte: Pinterest

Moschino, recentissimamente, con tutta la sua giocosità e allegria, ha riproposto il completo con gonna alla NY Fashion Week con tanti, tantissimi colori pastello e un’ondata smielata e zuccherosa di divertimento e ritorno all’infanzia.

Tailleur rivisitato di Moschino. NY Fashion Week 2021. Fonte: pagina Instagram di Moschino

Molto spesso si è visto, da parte degli stilisti, il tentativo di adattare il guardaroba maschile a quello femminile in una richiesta di parificazione dei sessi. Come vedete, la moda non è esente dalle battaglie politico-sociali delle società.

…ad oggi

Negli ultimi anni il tailleur, soprattutto tra le nuove generazioni, ha cambiato un po’ i connotati. Il tailleur è contraddistinto da giacca e pantaloni oversize o a palazzo. Esso è diventato un capo che, a seconda della maglietta o delle scarpe indossate può essere anche casual.

Spessissimo vediamo il completo con una maglietta a girocollo di cotone o un top abbinando il tutto con un bel paio sneakers o stivaletti.

Fonte: Pinterest
Fonte: Pinterest

Sensuale ma anche comfortable è la recente moda dell’accostare sotto la giacca solo il reggiseno o una fascia elastica. Uniteci poi un set di collane, orecchini extra e il gioco è fatto!

Fonte ASOS
Fonte: Pinterest

Nonostante le mode vanno e vengono il tailleur però resta. Anche tra le nuove generazioni è risaputo come esso sia versatile e must-have.

Ricordiamoci però che, sì, il tailleur è simbolo d’indipendenza femminile, di come anche la donna abbia preso il proprio posto nelle aziende ma che la sua indipendenza e forza stia anche in come porta i suoi vestiti, non quali.

a cura di
Sara Sattin

Seguici anche su Instagram!
LEGGI ANCHE – La rivincita del Vintage: la mini guida definitiva all’acquisto e alla vendita
LEGGI ANCHE – Idee intelligenti per regali ecosostenibili
Condividi su
Sara Sattin

Sara Sattin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *