I pompon: come abbinarli a Natale

I pompon: come abbinarli a Natale
Condividi su

pompon sono accessori che da sempre addobbano diversi capi d’abbigliamento. In particolare, sono i berretti quelli che più spesso presentano un pompon sulla cima.   

Lo sapevi che…?

Le prime tracce risalgono all’epoca napoleonica, quando la fanteria indossava cappelli con pompon di colori diversi in funzione rappresentativa. Ogni colore, infatti, indicava un diverso ordinamento. Erano, quindi, un tipo di linguaggio non-verbale utile al fine di riconoscere i propri compagni sul campo di battaglia.

Fonte: Pinterest

Rimanendo nel mondo militare, un altro famoso utilizzo del pompon è legato alla marineria. Essi erano, infatti, posti in cima ai loro copricapi per un’utilissima duplice funzione: proteggerli dal freddo e dagli urti. A quanto pare, infatti, le porte delle navi erano piccole, strette e basse, per cui i marinai erano soliti a sbattervici il capo.  

La loro diffusione è avvenuta principalmente per una ragione di praticità e comodità. Il pompon, infatti, permette di dare una direzione alle cuciture del cappello. In questo modo era molto più semplice mascherare eventuali errori e risparmiare tempo nella realizzazione delle linee in maniera accurata. 

Molti sostengono, inoltre, che una rapida diffusione di questa moda sia merito di Michael Nesmith dei Monkees (celebre gruppo pop rock londinese degli anni ’60), al quale si attribuisce come simbolo distintivo il berretto con il pompon.

Fonte: Pinterest
Come e quando usarli?

I pompon sono spesso e volentieri collegati al periodo natalizio, un po’ per il freddo un po’ perché rimandano al classico berretto indossato da Babbo Natale. Anche se in molti ritengono che siano infantili, possono in realtà essere perfetti sia di giorno che di sera, rendendo il tuo outfit natalizio ancora più tematico

Per il tradizionale pranzo di Natale, che duri due ore o due giorni, consiglio un berretto bianco abbinabile ad una gonna grigia in tartan. Quello che in un look tema natalizio non può mai mancare è il classico maglione rosso, collo alto, a lupetto o a v, basta che sia rosso. 

Per rimanere nei colori definiti dai nostri capi principali, ma allo stesso tempo riuscire a creare un total look alla Walter Albini, abbinerei uno stivaletto rosso, in modo da rendere il nostro stile elegante, ma non troppo; una pochette rossa, giusto per trasportare le cose essenziali; e una giacca grigia, in modo da riprendere il colore della gonna ed essere perfettamente in palette anche fuori dal calore casalingo. 

Giorno

Agli amanti delle feste serali, consiglio invece un berretto nero, colore dell’eleganza per eccellenza. Ad esso abbinerei un paio di stivali alti neri, molto di moda negli ultimi anni ed eleganti al punto giusto.

Chiaramente non possono mancare il rosso e il bianco, colori tipici del periodo natalizio. Per questo sceglierei come capo principale un vestito bianco. In questo caso ho consigliato un maglione per comodità e preferenza, ma se siete amanti dell’eleganza classica anche un bel vestito è sempre apprezzato. Rimanendo sul bianco e dando uno spruzzo in più di eleganza, consiglio una pochette bianca, magari con qualche strass per rendere più prezioso il vostro look.

In aggiunta, un bel cappotto alla Blair Waldorf, ma rosso stile Lily (dalla serie “Dash e Lily”). Per concludere, possiamo aggiungere una cintura che esalti il punto vita. In questo caso ho proposto una cintura rossa che riprendesse il colore del cappotto e che presentasse un fiocco, posizionabile sia sul fronte che sul retro, in modo da rendere l’outfit ancora più natalizio

Sera

Queste sono le mie proposte per le feste natalizie, a chi ama il caldo, le tisane e i camini, consiglio sempre pigiamone in pile e pantofole, ovviamente decorate con il nostro piccolo pompon. 

a cura di
Giulia Focaccia

Seguici anche su Instagram!
LEGGI ANCHE – Edoardo Gallorini: l’erotismo borghese torna in auge
LEGGI ANCHE – Occhiali da sole: dai colori pop alla sostenibilità, ecco i trend del 2022
Condividi su
Giulia Focaccia

Giulia Focaccia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *