Guida astrologica per cuori infranti, la nuova serie targata Netflix: la recensione

Guida astrologica per cuori infranti, la nuova serie targata Netflix: la recensione
Condividi su

Netflix ci lieta ogni mese con nuove produzioni originali provenienti da tutto il mondo, l’ultima targata made in Italy è “Guida astrologica per cuori infranti”.

Guida astrologica per cuori infranti: conosciamola meglio

Il 27 ottobre è uscita su Netflix “Guida astrologica per cuori infranti” dedicata a tutte le persone che appartengono al “Mai una gioia” soprattutto in love , ma andiamo con ordine.

La serie è composta da 6 episodi, è creata da Bindu Stopponi e tratta dal bestseller letterario omonimo di Silvia Zucca, edito dalla Casa editrice Nord. Guida astrologica per cuori infranti è prodotta da Italian Internazional Film-Gruppo Lucisano e diretta dalla stessa Stopponi e da Michela Andreozzi, quindi una serie in cui vince il girls power.

“Guida astrologica per cuori infranti”
Alice: la protagonista del “mai una gioia”

La protagonista è Alice (Claudia Gusmano), colei che ha il cuore infranto, ancora intrappolata dalla fine della relazione finita due anni prima con Carlo (Alberto Paradossi), attuale amico o pseudo tale, nonché collega della televisione locale torinese in cui lavora, la Dora Tv, dove rispettivamente ricoprono il ruolo di assistente alla produzione e addetto alla regia.

Il primo episodio inizia proprio da un colpo al cuore ovvero quello di sapere direttamente dal suo ex non solo che diventerà padre ma addirittura il simpaticone di Carlo, il suo ex per l’appunto, le fa vedere in anteprima “mondiale” l’anello che regalerà a Cristina (Lucrezia Bertini) la sua attuale compagna, cioè ci rendiamo conto? Follia, fermate proprio, te dico fermate! Inoltre aspettano anche un figlio, insomma tutto quello che voleva Alice con lui lo sta realizzando con un’altra.

La vita della nostra “no joy in love” inizia a cambiare dopo aver incontrato nel bagno del network Tiziano detto Tio, un nome tutto un programma, attore di punta di una soap opera, ma la sua grande passione è l’astrologia e proprio questa diventerà non solo la guida per la vita sentimentale della nostra eroina romantica ma anche il file rouge di tutta la serie.

Tio e Alice
La svolta per la “No Joy Love”

Voi direte, va beh le va male nella sfera settimanale, quella lavorativa le andrà che è di una meraviglia ma invece anche lì le cose non è che vanno chissà che, della serie non c’è mai limite al peggio, lavora da dieci anni come assistente della produzione, per la precisione è la spalla del direttore Enrico, ma senza fare dei passi in avanti.

Le cose peggiorano quando arriva lui, il nuovo direttore creativo, Davide Sardi (Michele Rosiello) assunto per verificare la produttività del team, un tipo misterioso, puntiglioso e che non possa di certo inosservato, e qui è meglio che mi fermo sulla descrizione ma so che mi capirete.

Una sera sfigata rappresenterà per Alice la svolta perché a causa della sua sbornia colossale si ritroverà ad avere un incontro riavvicinato in moto con Davide, il nuovo direttore creativo, con lui esporrà la sua idea di show per sostituire “Sveglia Torino”, il format non riconfermato, spazio rimasto vacante è pronto ad ospitare un nuovo show ed ecco che entra in scena l’idea della nostra bilancina “no joy in love “che grazie alla sua conoscenza con Tio e e alla sua nuova passione, l’astrologia, proporrà un qualcosa che avrà a che fare proprio l’arte delle stelle e da qui ne succederanno delle belle.

Davide e Alice
La recensione

Me la consiglieresti? Se volete chiedermi questo, la mia risposta è una grande sì perché è una serie leggera, scorrevole, ironica, adatta per chi vuole staccare la spina dopo una giornata di lavoro oppure solo per il gusto di guardare qualcosa che non ci impegna più di tanto, che ci faccia sorridere per quelle 3 ore complessive o 30 minuti singoli. Fotografia bella aiutata da una cornice splendida come la città di Torino, attori bravissimi e adattissimi alla parte a loro assegnata.

Però come tutte le cose della vita, la perfezione non esiste e quindi anche Guida astrologica per cuori infranti non lo è o almeno dal mio punto di vista, e di seguito vi spiego il perché.

“Guida astrologica per cuori infranti” come detto prima è scorrevole ma forse da un certo punto di vista troppo, cioè mi spiego meglio, sarà per la durata, sarà perché si avvicina ad avere un’impriting da sit com all’americana ma c’è poco approfondimento sulle vite dei personaggi co-protagonisti, si scorre su di loro senza soffermarsi più di tanto.

Volete qualche esempio? Paola quando non è la confidente di Alice, che fa? Dove lavora? Abbiamo conosciuto il suo collega Luca, che è uscito per un appuntamento con Alice, ma non sappiamo altro. Che volto ha il suo compagno? Come vive la sua situazione da mamma?

Tio vive con la nonna malata, solamente sul finale abbiamo conosciuto un altro suo aspetto quando si scopre innamorato di Andrea ma poi il nulla,

Di Davide lo abbiamo visto sempre solo nel contesto lavoro ad eccezione di poche ocassioni.

Cristina e Carlo sono fidanzati presto genitori ma non li vediamo mai interagire da soli come coppia. Sarebbe stato bello un viaggio in più anche nei sentimenti degli altri e non solo della protagonista.

Conclusioni

Molto bene il mistero che alleggia su tutta la serie e che ci fa pensare “Ma di che segno è Davide” ottima cosa che ci sia questo alone di mistero in un contesto prevedibile come quello di una romantic comedy.

Il finale è stato tipico del “mai una gioia” in cui i telefoni squillano, le notifiche aumentano e tutte le tue amiche compresa te, urlate all’unisono “ma no ma che cavolo” (diciamo così), “ma che s è Davide”, generando malcontento generale, quindi ci aspettiamo nella seconda che ci sarà la bellissima prevedibilità del lieto fine, almeno nelle serie fate regnare la gioia, please.

Non ci resta che aspettare la seconda stagione che non solo è confermata ma le riprese sono già state ultimate, quindi non vedo l’ora di vedere che cosa succederà alle situazioni in sospeso del finale di stagione e se ci sarà l’approfondimento delle vite degli altri personaggi.

Secondo voi cosa succederà?

A cura di
Francesca Cenani

Seguici anche su Instagram!
LEGGI ANCHE – Coez il nuovo album “Volare” esce il 3 dicembre
LEGGI ANCHE – Casa de Papel 5: la recensione della quinta stagione
Condividi su
Francesca Cenani

Francesca Cenani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *