“Fatti sentire più spesso” è il nuovo EP di Brama, l’intervista

“Fatti sentire più spesso” è il nuovo EP di Brama, l’intervista
Condividi su

Brama è un artista che si autoproduce, sul web ci sono poche informazioni su di lui ma da poco ha pubblicato un EP dal titolo Fatti sentire più spesso vol.1 e ha sicuramente delle cose da dire. L’abbiamo intervistato per conoscerlo meglio, così da lasciare qualche traccia della sua bio anche sul web…

Partiamo da una domanda di rito: chi è Brama?

Brama è Marco Bragalone! Ho 26 anni, nato e cresciuto a Lariano, un piccolo paese in provincia di Roma; il progetto musicale invece nasce da un’indigestione di Frank Ocean, Brockhampton, Kanye West e tanta musica soul, gospel e r&b.

View this post on Instagram

Una vita fa con i @youngnope

A post shared by Pierpaolo Saccomandi (@__brama__) on

Fatti sentire più spesso vol.1 è il tuo primo EP, a chi vuoi dedicarlo?

Sicuramente a quelle persone che hanno sopportato durante questi mesi tutto il work in progress (mia madre e mio padre in primis) ed in particolare Emanuele ed Eduardo che hanno poi anche partecipato in maniera attiva al processo creativo.

Il titolo presuppone che ci sarà una seconda parte.. puoi già anticiparci qualcosa?

Il progetto c’è e le canzoni anche, ora mi concentro sulla preparazione del set per i live, provo a godermi questa strana estate e poi magari per la fine dell’autunno…

Si tratta di un EP totalmente autoprodotto, pensi che oggi ci sia spazio per giovane talentuosi che vogliono costruirsi in maniera autonoma l’identità artistica?

Il fatto che Spotify permetta a chiunque di sfruttare il suo bacino d’utenza immenso e metta anche a disposizione vari strumenti per aiutare i brani ad arrivare effettivamente a persone a cui potrebbero piacere è sicuramente un’arma potentissima per il mondo emergente; in più, con le giuste nozioni e la giusta pratica, ci si può auto-produrre molto più facilmente ora rispetto a qualche anno fa.

Avendo vissuto anche l’era pre-spotify devo dire, però, che trovo molto più difficile ora sentirsi parte di una scena e conoscere altri artisti, cosa che trovo ancora fondamentale per la crescita e la definizione di un artista!

Dimmi 3 nomi di artisti emergenti che segui e che ti piacciono..

Direi masamasa, The Pier e SAO!

Le canzoni sono come figli, difficile dire a chi si vuole più bene. Ma se dovessi scegliere il brano dell’EP a cui sei più legato, quale sceglieresti e perché?

Il brano che chiude l’EP, “Fammi un favore” è quello a cui sono più legato principalmente perché è quello che mi accompagna da più tempo, uno dei primi scritti e che, come me, ha vissuto tanti cambi di pelle musicali; inoltre, è quello dove poi mi sono lasciato andare  e divertito di più nella produzione.

Lasciamoci con un saluto…

Ciao a tutti lettori, santi curiosi che vi interessate alla musica emergente! Grazie mille alla redazione di The Soundcheck per lo spazio!

a cura di
Giulia Perna

Seguici anche su Instagram!
LEGGI ANCHE – Benedetti: classe 1996, Acquario, fin troppo riflessivo
LEGGI ANCHE – 
Bush, The Kingdom. Lineare è meglio
Condividi su

Giulia Perna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *