Daniele Silvestri – Sant’Agata Bolognese – 24 luglio 2020

Daniele Silvestri – Sant’Agata Bolognese – 24 luglio 2020
Condividi su

Daniele Silvestri, in tour con La cosa giusta, ha fatto tappa a Sant’Agata Bolognese.

Continua a dare una sensazione strana essere di nuovo, finalmente, davanti a un palco, ma senza avere il privilegio di muoversi come eravamo abituati.

È pur sempre una ripresa, una riconquista

Daniele Silvestri lo sa. È uno degli artisti che ha preferito non rinviare il tour nel 2021 ed esibirsi invece per platee giocoforza più piccole, purché si torni su un palco. Purché si torni a far circolare la musica dal vivo.

La sensazione strana iniziale cambia, tramuta dunque in entusiasmo, perché oggi anche un live non è più così scontato. Lo scatto dalle sedie che si ha, in maniera estremamente naturale, quando parte la vivacità di Salirò, è un segnale. Un bel segnale.

Un una bella manifestazione di come la musica di Silvestri rinvigorisca l’animo di chi è stato per troppo tempo in astinenza da concerti.

Energia tra gli spettatori, energia tra gli artisti

Sant’Agata Bolognese è stata palco e platea per un’energia bilaterale, scagliata avanti e indietro tra Daniele Silvestri, la sua band e il pubblico. Una serata all’insegna di emozioni che tornano a circolare e a essere condivise.

D’accordo il metro di distanza, d’accordo le più che sacrosante disposizioni di sicurezza: si può fare. Non è come prima, ma di questi tempi è una gioia immensa poter riassaporare un concerto. Si vede, si è visto: ovunque ci girassimo, tante, tantissime vibrazioni positive.

Difficile spiegare in maniera più concreta quello che è accaduto al concerto di Daniele Silvestri, a Sant’Agata Bolognese. È successo qualcosa di bello, meravigliosamente bello.

Un modo, a ben pensarci, c’è: lasciar parlare le fotografie di Mirko Fava.

articolo di
Andrea Mariano

foto di
Mirko Fava

Seguici anche su Instagram!

Biografia (fonte TicketOne)

La cifra stilistica di Daniele Silvestri coniuga la ricerca di una nuova canzone d’autore con il riscon-tro del grande pubblico, mescolando talento e tradizione, leggerezza espressiva e impegno civile, come testimoniano canzoni quali Cohiba, Il mio nemico e La mia casa al fianco di Le cose che ab-biamo in comune Acrobati (2016, Salirò e Quali alibi. Le sue partecipazioni a festival popolari hanno sempre lasciato un segno, grazie alla singolare impronta che le contraddistingue: mai sopra le righe, ma sempre sorprendenti.

I tantissimi riconoscimenti ricevuti (Premio Tenco, David di Donatello, Recanati, Amnesty Italia, Grinzane-Cavour, Carosone per citarne alcuni) costituiscono un’ulteriore conferma della sua at-tenzione verso l’altro, dello sguardo, della parola e dell’azione sempre vigili sul presente, solidali, lucidi, generosi. Nascono così i numerosi progetti costruiti con e per Onlus anche molto diverse tra loro: Movimondo in Mozambico, Agende Rosse, CUAMM, Every Child is my Child tra le altre.

I suoi testi sono spesso acrobazie linguistiche balzate fuori dagli otto album in studio: Daniele Sil-vestri (1994), Prima di essere un uomo (1995), Il dado (1996), Sig. Dapatas (1999), Unò-dué (2002), Il latitante (2007), S.C.O.T.C.H. (2011) e Acrobati (2016). Il 3 maggio 2019 è uscito il suo ul-timo disco La Terra sotto i piedi, che contiene anche Argentovivo, brano presentato al Festival di Sanremo dello stesso anno.

LEGGI ANCHE – I 10 tormentoni estivi (più bonus) che non ricordavi
LEGGI ANCHE – “CMYK” è il nuovo EP di Grosz e Nembo Kyd
Condividi su
Mirko Fava

Mirko Fava

Mirko Fava nasce a Parma il 23/04/1991. Ha un diploma da geometra che ha usato per poco tempo, prima di diventare impiegato. Ha cominciato ad appassionarsi di musica negli anni delle superiori ed è andato alsuo primo concerto nel 2007, portandosi dietro una delle prime digitali compatte di suo padre, ottenendo scarsissimi risultati. La passione per la fotografia è cominciata parallelamente a quella per i concerti, anche se a tutti gli effetti si è sviluppata definitivamente dopo qualche anno. La macchina fotografica lo accompagna anche in viaggio, alla costante esplorazione del mondo. Tutte passioni economiche, in pratica.

Un pensiero su “Daniele Silvestri – Sant’Agata Bolognese – 24 luglio 2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *