The Strokes, il ritorno con The New Abnormal

The Strokes, il ritorno con The New Abnormal
Condividi su

Se c’è una band che negli ultimi vent’anni ha riportato in auge il riff di chitarra, questi sono i The Strokes. Autori di due dischi pazzeschi come Is This It e Room On Fire, da ormai tre lustri Julian Casablancas e soci sembrano aver perso ispirazione. Per non dire la bussola, in ogni senso, tra rehab e una storia della band sempre in bilico tra il continuare e lo scioglimento; il tutto inframmentato da sporadici tour come band e carriere soliste avviate con più o meno successo.

The New Abnormal arriva a ben sette anni dal precedente Comedown Machine e per chi si aspetta i fasti degli esordi, c’è poco da dire: non è il vostro territorio. Sulla nuova fatica dei newyorkesi non ci credeva nessuno, molto probabilmente nemmeno loro. Ma proprio interpretando questo disco come appartenente alla seconda natura del gruppo di Julian Casablancas e soci, quella idealmente iniziata con Angles, ci si trova di fronte ad un capitolo che mantiene un suo senso.

Qui i The Strokes ammettono in musica che gli anni passano anche per loro. Non manca lo spazio per il rock, sia chiaro, ma in The New Abnormal si fa più raffinato e influenzato dagli anni Ottanta. La voce di Julian Casablancas, croce e delizia della band soprattutto in sede live, dimostra una certa versatilità; i falsetti riusciti, ad esempio, sono il sintomo di una certa maturità artistica raggiunta dopo le incertezze del passato. Ci sono tanti anni Ottanta, e non solo sui synth di Brooklyn Bridge To Chorus: tutta l’opera è una sorta di omaggio a quell’epoca musicale, chiaramente vista in chiave Strokes. Si sentono tributi agli Eighties nelle liriche, ma anche echi di Billy Idol (Bad Decisions) e tutto il disco sembra figlio di un’epoca ormai lontana.

La presenza di Rick Rubin in cabina di regia non aggiunge nulla a livello sonoro: la sua impronta di fatto è impercettibile. Ma la sua capacità di leadership e di coordinamento delle forze ha sicuramente giovato al ritorno dei The Strokes dopo una lunga assenza. Perché, pur essendo l’opera di un’altra band rispetto a quella di Last Nite, rimane l’album più convincente di quella che è di fatto la loro seconda parte della carriera.

a cura di
Nicola Lucchetta

Seguici anche su Instagram!
LEGGI ANCHE – “La mia musica? Un dialogo allo specchio”, l’intervista a Bartolini
LEGGI ANCHE –
“Il Gioco” è il nuovo singolo di Sativa Rose
Condividi su
Staff

Staff

La redazione di The Soundcheck: un branco di giornalisti, redattori, fotografi, videomaker e tanti altri collaboratori agguerriti provenienti da tutto lo Stivale pronti a regalarvi una vasta gamma di contenuti. Dalla semplice informazione artistico-culturale, fino ad approfondimenti unici e originali nel campo della musica, dell'arte, della letteratura e della cultura a 360 gradi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *