A Very Backstreet Christmas… che noia!

A Very Backstreet Christmas… che noia!
Condividi su

Backstreet Boys: la boyband più famosa di tutti i tempi anticipa l’arrivo del Natale tra inediti e classici di sempre

Backstreet’s back?

Alzi la mano chi non ha mai cantato o ballato una canzone dei Backstreet Boys? Chi risponde con “mai” è un vero bugiardo perché parliamoci chiaro: sono la band per eccellenza che ha caratterizzato il teen pop dal 1993 ad oggi. Diventati popstar a livello globale con “Millennium” del 1999, più in particolare con il singolo “I want it that way”, dopo una pausa per progetti solisti i BSB sono ancora oggi amatissimi e in piena attività: tutt’ora sono impegnati nel DNA World Tour che farà tappa anche in Italia all’Unipol Arena di Bologna. 

A Very Backstreet Christmas

Il progetto di questo album è partito nel 2019 diventando poi fruibile a distanza di tre anni dal 14 ottobre in CD e in digitale, mentre il 2 dicembre sarà possibile acquistare anche il vinile. Il disco uscirà anche in formato CD deluxe di 15 tracce con due bonus track, “Feliz Navidad” e “It’s Christmas Time Again“.

Composto da tredici canzoni, questo lp spalanca letteralmente le porte a quello che può considerarsi uno dei momenti dell’anno più belli per molti quanto detestati da altri: il Natale.

Si alternano tra loro singoli famosissimi come “Last Christmas” degli Wham!White Christmas di Irving Berlin, ad altri totalmente inediti “Christmas In New York” in uscita come singolo a dicembre, “Together” e “Happy Days”, creando così un’atmosfera estremamente piacevole… ma anche un po’ noiosa.

Una buona idea?

Per quanto questo disco sia totalmente impeccabile poiché trasmette ciò che deve, ovvero un clima di festa genuino, tranquillità e calore degno di qualsiasi Natale che si rispetti (dalle note se vogliamo nostalgiche dato il beat inconfondibile del gruppo super 90’s), dall’altro lato ciò che aleggia nell’aria è un qualcosa di scontato, monotono, già visto e rivisitato milioni di volte da tanti altri artisti… un po’ deboluccio insomma.

Ciò che intendiamo dire, in poche parole, è che da un gruppo che per anni ha riscosso un successo clamoroso (non a caso sono stati eletti da Billboard e Rolling Stones come la più grande e iconica boy band di tutti i tempi), vendendo più di 130 milioni di dischi in tutto il mondo e diventando così la prima band della storia per record di vendite, ridursi ad un album per lo più di cover seppure senza tempo è forse riduttivo, visto l’enorme calibro artistico e vista anche la carriera brillante e piena di successi, per quanto poi il risultato finale sia piacevole ed un prodotto mainstream sicuramente di qualità.

Ci auguriamo dunque che presto torneremo ad ascoltare e aggiungere nelle nostre playlist qualche nuovo inedito degno del nome di Backstreet Boys; nel frattempo e nella speranza che ciò possa accadere possiamo comunque respirare a pieni polmoni l’arrivo del Natale con il loro nuovo album.

a cura di
Valentina Pilotti

Seguici anche su Instagram!

LEGGI ANCHE – Parliamo di “5 minuti prima” con Simone Fumagalli: l’intervista
LEGGI ANCHE – Marco Mengoni – Mandela Forum, Firenze – 18 ottobre 2022

Condividi su
Valentina Pilotti

Valentina Pilotti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *