Ginzburg Park Festival – insieme e sostenibili

Ginzburg Park Festival – insieme e sostenibili
Condividi su

Il CAP10100 propone la prima edizione del Ginzburg Park Festival. Il Festival è proposto nell’ambito del progetto della città di Torino e della Fondazione per la Cultura Torino a Cielo Aperto.

Dal 22 giugno al 31 luglio largo spazio a musica, danza e teatro presso i giardini Ginzburg, sulle sponde del Po a due passi da piazza Vittorio Veneto.

I protagonisti del Festival

Al Ginzburg Park Festival ci saranno 40 giorni non stop di spettacoli dal vivo (teatro, danza, musica). In più si troveranno talk e reading all’interno di un‘area verde che per l’occasione verrà riqualificata. La spina dorsale dell’associazione Orfeo, che segue il CAP10100 è infatti la sostenibilità.

Si è partiti il 22 giugno con un live dal ritmo incalzante con i Savana Funk che traghetteranno Torino verso il concerto reunion degli Almamegretta (23 giugno) e poi HAN + Giungla (26 giugno), Maledetti cantautori (21 luglio), Melancholia (10 luglio) e molti altri.

Ginzburg Park Festival pone come centrale il valore della sostenibilità. Il CAP10100 (gestito dall’APS Orfeo) allestisce gli spazi nel pieno rispetto dell’area verde con partner dedicati alla filosofia green.

Stiamo facendo del male al nostro pianeta e nel proprio piccolo il Ginzburg Park Festival vuole fare la sua parte non solo riqualificando la zona e…

Associandosi con una serie di partner sostenibili come: Acqua San Bernardo, azienda locale con sede in provincia di Cuneo, presenta la bottiglia elicoidale 100% riciclabile. Carlsberg Italia invece, propone la Tuborg Green fatta con un un sistema di spillaggio senza CO2 e integralmente riciclabile.

Altre declinazioni ecologiche si incontreranno in alcuni talk pomeridiani: oggi 24 giugno con Pensiero Ambientalista, 6 luglio con Eco femminismo, 11 luglio con Ecologia Politica e il 20 luglio con Soggettività ecologica.

All’interno della programmazione vi saranno diverse serate dedicate al mondo dell’associazionismo. In più il 17 luglio si presenta la mirabolante avventura del poeta Burbank.

Il poeta è stato protagonista di una camminata da Torino a Venezia per la raccolta fondi dedicata a Nebbiolo, giovane musicista prematuramente scomparso lo scorso autunno, per poter istituire il premio di Poesia Nebbiolo.

Durante le mattinate e i primi pomeriggi si svolgeranno laboratori di yoga, mindfulness, arti marziali e difesa personale, oltre a diverse attività per bambini.

Colazioni e brunch saranno disponibili tutti i giorni nell’area somministrazione del festival.

Per maggiori informazioni:
ginzburgfestival.it

a cura di
Sara Sattin

Seguici anche su Instagram!
LEGGI ANCHE – “L’età della convivenza- Dosei Jidai”: l’opera prima di Kazuo Kamimura
LEGGI ANCHE – Frah Quintale: “Torno sul palco dopo due anni” #oltrefestival
Condividi su
Sara Sattin

Sara Sattin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *