“Natura Madre” di Raze: il legame con la natura

“Natura Madre” di Raze: il legame con la natura
Condividi su

E’ uscito giovedì 3 Giugno, il nuovo singolo “Natura Madre” di Raze.

A due anni di distanza dall’album di debutto: “Avere vent’anni alla mia età” Matteo Pizzichetti, in arte Raze, presenta il suo nuovo maxi-single intitolato “Natura Madre”, con l’etichetta discografica Go On Lab.  

Il singolo è composto da 3 brani inediti nella versione digitale e un formato fisico di 3 brani inediti con una traccia bonus (l’edizione è numerata e limitata a 300 pezzi in vinile).

Il progetto è un caleidoscopio sonoro. Esso esplode dall’incontro tra Natura e Urban, due dimensioni nelle quali emergono le tante anime di un artista curioso di esplorare, sperimentare e condividere.   

“Natura Madre” è registrato, mixato e masterizzato interamente presso il Wholecar Studio di Roma. Arricchito, poi, dalle importanti collaborazioni con Flavia Iacobelli (voce in “E’ bello se”), Luca Fraioli alle tastiere e Matteo Milita alle chitarre.

“Natura Madre” nasce dall’idea di celebrare la reale connessione tra emozioni umane e fenomeni atmosferici i quali:

Hanno simili modi di esprimersi e di porsi e, così come la felicità è spesso associata ad un sorriso e la tristezza al pianto, in questo disco la natura potrà palesarsi in brani soleggiati o piovosi

Come sostiene Raze

Il singolo è composto anche da una mostra espositiva: “Natura Madre – Contemporary Art Space” visitabile dal 7 al 13 Giugno presso il “Boogie Studio” in Piazzale Enrico Dunant numero 48 a Roma. All’interno della mostra sarà possibile acquistare il nuovo singolo di Raze.

Per accedere alla mostra sarà previsto un contributo di 3€ a persona e l’intero incasso verrà devoluto all’Associazione “L’arte nel cuore” Onlus

Per info, visita il sito www.naturamadre.art oppure invia una mail a info@naturamadre.art

a cura di
Sara Sattin

Seguici anche su instagram!
LEGGI ANCHE – Scusa “MAMMA!”: intervista a Giulia Mei
LEGGI ANCHE – Shirley Jackson racconta l’orrore: “Abbiamo sempre vissuto nel castello”
Condividi su

Sara Sattin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *