Løve – Guarda in ANTEPRIMA il video di Sottozero

Løve – Guarda in ANTEPRIMA il video di Sottozero
Condividi su
Da venerdì 12 febbraio su tutte le piattaforme streaming, oggi The Soundcheck vi presenta in anteprima il video di “Sottozero”, l’ultimo singolo di Løve, cantante romano.

“’Sottozero’ è una metafora continua, è il simbolo dell’ambivalenza dei sentimenti e della temperatura delle emozioni che sanno essere molto più fredde o calde rispetto al freddo o al caldo che avvertiamo intorno”.

Løve

Sottozero è il nuovo singolo (il sesto, per la precisione) del giovane artista romano Løve. Un’ulteriore tappa di una ricerca sonora, musicale e stilistica che affina, smussa sempre più uno stile riconoscibile, una cura sempre maggiore ai testi e alla combinazione di influenze musicali diverse.

Il video di Sottozero

Una storia d’amore passata, ma non dimenticata. Un presente fatto di vuoto che cerca di essere colmato e riempito da squarci di ricordi. Pop e rap si fondono nell’ultimo singolo di Løve. All’anagrafe Daniele Capone, l’artista romano è musicista a tutto tondo: è lui personalmente, infatti, che crea musica e testi per le sue canzoni. Cosa non scontata, dato che delle volte il cantante diventa interprete di parole altrui.

Guarda in anteprima il video di Løve

Il videoclip ufficiale di Sottozero – che potete guardare grazie al player qui sopra – vede Lorenzo Lecci alla regia e Diego Buonanno alla direzione della fotografia.

Le inquadrature e i continui flashback cercano di restituire l’emotività fredda presente nel brano, giocando anche col contrasto tra immagini serene che ricordano la relazione sentimentale vissuta e immagini attuali di riflessione e introspezione su ciò che c’era ed ora non c’è più.

Biografia: chi è Løve

Daniele Capone, in arte Løve, nasce e cresce a Roma nel quartiere Eur/Montagnola. Musicalmente si forma suonando il pianoforte, prendendo lezioni private dai suoi 8 ai 16 anni, età nella quale decide di sfruttare le sue competenze per iniziare a scrivere e comporre i suoi primi pezzi.

È allora che comincia a studiare canto, all’età di circa 17 anni, continuando fino ad oggi, di fatti tutt’ora studia canto alla scuola popolare di musica di Donna Olimpia a Roma e all’Accademia Spettacolo Italia.

A 19 anni decide di iniziare a concretizzare i suoi primi brani, facendosi arrangiare e produrre le sue composizioni e pubblicandole con l’etichetta indipendente Millenari Records, ad oggi sono già diversi i suoi singoli usciti sulle varie piattaforme digitali.

Per pagarsi la musica, Daniele lavora part time in alcuni locali, tra pizzerie e ristoranti. Allo stesso tempo cerca di portare a termine gli studi per una laurea triennale in Psicologia alla Sapienza di Roma. Daniele è diplomato al liceo scientifico, ed ha sempre praticato sport, in particolare tennis, anche a livello agonistico per molti anni.

Di tutti i suoi pezzi egli è unico autore, afferma infatti di vivere la musica a 360° e tra la scrittura, la composizione, le giornate passate in studio di registrazione, l’arrangiamento dei suoi pezzi e il diletto nel suonare la chitarra o semplicemente sedersi al piano lasciar andare le mani sopra esso, gli piace mettere del suo in tutte le fasi che portano alla concretizzazione dei suoi brani e progetti musicali.

a cura di
Andrea Mariano

Seguici anche su Instagram!
LEGGI ANCHE – Do what you want: il capitolo definitivo dei Bad Religion
LEGGI ANCHE – Federica RiMa e il suo nuovo singolo: “Sai cosa c’è”
Condividi su

Andrea Mariano

Andrea nasce in un non meglio precisato giorno di febbraio, in una non meglio precisata seconda metà degli Anni ’80. È stata l’unica volta che è arrivato con estremo anticipo a un appuntamento. Sin da piccolo ha avuto il pallino per la scrittura e la musica. Pallino che nel corso degli anni è diventato un pallone aerostatico di dimensioni ragguardevoli. Da qualche tempo ha creato e cura (almeno, cerca) Perle ai Porci, un podcast dove parla a vanvera di dischi e artisti da riscoprire. La musica non è tuttavia il suo unico interesse: si definisce nerd voyeur, nel senso che è appassionato di tecnologia e videogiochi, rimane aggiornato su tutto, ma le ultime console che ha avuto sono il Super Nintendo nel 1995 e il GameBoy pocket nel 1996. Ogni tanto si ricorda di essere serio. Ma tranquilli, capita di rado. Note particolari: crede di vivere ancora negli Anni ’90.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *