Bari Pride 2020, il bello di essere sé stessi

Bari Pride 2020, il bello di essere sé stessi
Condividi su

Il distanziamento sociale che unisce ancor di più. Riflessioni e riflessi di ciò che dovrebbe essere ovvio.

Si può manifestare rispettando le distanze e rimanendo ugualmente coesi. Si può manifestare rispettando le norme di sicurezza di questi tempi bui. Il Bari Pride 2020 del 18 luglio ha dimostrato tutto questo, in una piazza della Prefettura gremita, colorata e festante.

Una festa allegra, ma anche decisa a ribadire principi fondamentali che dovrebbero oramai essere alla base del pensiero comune.

Nel rispetto delle norme, a favore di norme per il rispetto

Il Bari Pride 2020 ha visto un’organizzazione puntuale ed egregia: Piazza della Prefettura è stata divisa in riquadri per rispettare il distanziamento sociale (massimo due persone per quadrante, se congiunti) e gli oltre 500 partecipanti, tutti muniti di mascherina, si sono fatti misurare la temperatura. Inappuntabili.

Gli organizzatori hanno definito questo Bari Pride 2020 “statico”, data l’impossibilità di mettere in piedi la consueta sfilata, ma anche “necessario”, per dare un segnale di civiltà e soprattutto per far capire quanto sia importante che il 27 luglio venga approvato il disegno di legge contro l’omotransfobia.

Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali (art. 3 Costituzione Italiana)

Se ci pensiamo un attimo, è strano dover scendere in piazza per rivendicare diritti che dovrebbero essere oramai istituzionalizzati e parte del pensiero comune.

Ma è proprio questa la bellezza del Bari Pride: esprimersi ed esprimere un messaggio accorato attraverso la felicità, la consapevolezza e la fierezza di essere sé stessi.

Essere uniti per rivendicare ancora una volta ciò che non è “stravaganza”, come alcuni (troppi) continuano ancora a chiamarla, ma normalità, consuetudine.

Lo dice la Costituzione, dovrebbe dirlo in automatico anche il buon senso e il sentimento generale.
Andare avanti per migliorare. Andare avanti per non dimenticare

Dovrebbero non esistere certi atti discriminatori ai danni di chi esprime ed è fiero della propria sessualità, come accaduto di recente a Pescara, né barbarie nei confronti di chi è felice di essere come è.

Un altro terribile esempio è ciò che è accaduto a Sarah Hegazi, attivista a sostegno dei diritti LGBT incarcerata, picchiata e oggetto di angherie da parte degli altri detenuti nel settembre 2017.

A seguito delle torture subite in quel periodo, Sarah ha riportato seri disturbi da stress post traumatico che hanno segnato la sua esistenza fino al 14 giugno 2020, giorno in cui ha deciso di togliersi la vita.

Il Bari Pride 2020 è dedicato anche a lei, alla sua memoria, alla sua lotta pacifica e continua. È importante esprimersi ed essere sé stessi, è altrettanto importante essere rispettati per ciò che si è.

Fieri di essere sé stessi

Vi lasciamo con un messaggio di speranza e di allegria, proprio di chi è felice e sereno del suo percorso, della sua essenza. Un messaggio fotografico, tramite gli scatti della nostra Iolanda Pompilio.

a cura di
Andrea Mariano

foto di
Iolanda Pompilio

Seguici anche su Instagram!
LEGGI ANCHE – Malvax: “Vi presentiamo la nostra nuova carta di identità”
LEGGI ANCHE – I Brugnano portano il sole di Napoli nella musica

Condividi su
Andrea Mariano

Andrea Mariano

Andrea nasce in un non meglio precisato giorno di febbraio, in una non meglio precisata seconda metà degli Anni ’80. È stata l’unica volta che è arrivato con estremo anticipo a un appuntamento. Sin da piccolo ha avuto il pallino per la scrittura e la musica. Pallino che nel corso degli anni è diventato un pallone aerostatico di dimensioni ragguardevoli. Da qualche tempo ha creato e cura (almeno, cerca) Perle ai Porci, un podcast dove parla a vanvera di dischi e artisti da riscoprire. La musica non è tuttavia il suo unico interesse: si definisce nerd voyeur, nel senso che è appassionato di tecnologia e videogiochi, rimane aggiornato su tutto, ma le ultime console che ha avuto sono il Super Nintendo nel 1995 e il GameBoy pocket nel 1996. Ogni tanto si ricorda di essere serio. Ma tranquilli, capita di rado. Note particolari: crede di vivere ancora negli Anni ’90.

Un pensiero su “Bari Pride 2020, il bello di essere sé stessi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *