Nanowar of Steel – Vox Club – 21 febbraio 2020

Nanowar of Steel – Vox Club – 21 febbraio 2020
Condividi su

È un Vox Club stracolmo quello che si prepara ad accogliere la seconda delle tre date italiane del Ladder to Valhalla Tour dei Nanowar of Steel.

La band, formata da Potowotominimak, Mr. Baffo, Gatto Panceri 666, Moamed Abdul e Uinona Raider, è pronta a portare il suo metal demenziale nella serata della festa di carnevale.

Lo show è un mix perfetto tra i brani più famosi e gli iconici costumi di scena dei Nanowar.

Non può mancare il riferimento a Bugo e Morgan, con il testo modificato di Sincero cantato da Mr. Baffo sulle note di V per Viennetta.

Ecco la scaletta della serata:

Declination
Barbie, MILF Princess of the Twilight
The Call of Tchulhu
L’Opelatole Ecologico
(V per Viennetta)
Il Cacciatore della Notte
Bestie di Seitan
Norwegian Reggaeton
…And Then I Noticed That She Was a Gargoyle
Ironmonger (The Copier of the Seven Keys)
Valhalleluja
Uranus
Hail to Liechtenstein

I 400 Calci
Giorgio Mastrota
Feudalesimo e Libertà

Biografia

Nanowar Of Steel sono un gruppo heavy metal demenziale italiano formatosi agli inizi del 2003.

Tutti gli album e le canzoni della band sono pubblicate sotto Licenza Creative Commons 2.0 BY-NC-SA, che permette il libero utilizzo del materiale per scopi non commerciali. Il nome del gruppo è una parodia congiunta di quelli dei Manowar e dei Rhapsody of Fire i quali, inizialmente chiamati semplicemente Rhapsody (così come i Nanowar avevano il nome costituito da una sola parola), furono in seguito costretti ad aggiungere “of Fire” per problemi di copyright.

Qui la photogallery completa:

foto di
Mirko Fava

Seguici anche su Instagram!

GUARDA ANCHE: Willie Peyote – Teatro Concordia Venaria – 19 Febbraio 2020

Condividi su
Mirko Fava

Mirko Fava

Mirko Fava nasce a Parma il 23/04/1991. Ha un diploma da geometra che ha usato per poco tempo, prima di diventare impiegato. Ha cominciato ad appassionarsi di musica negli anni delle superiori ed è andato alsuo primo concerto nel 2007, portandosi dietro una delle prime digitali compatte di suo padre, ottenendo scarsissimi risultati. La passione per la fotografia è cominciata parallelamente a quella per i concerti, anche se a tutti gli effetti si è sviluppata definitivamente dopo qualche anno. La macchina fotografica lo accompagna anche in viaggio, alla costante esplorazione del mondo. Tutte passioni economiche, in pratica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *