1975 motivi per ascoltare “Being Funny in a Foreign Language”

1975 motivi per ascoltare “Being Funny in a Foreign Language”
Condividi su

Il 14 ottobre scorso è uscito “Being Funny in a Foreign Language”, quinto album in studio dei 1975, la band di Manchester capitanata da Matt Healy

Dopo quel pasticcio che è stato “Notes on a Conditional Form”, i 1975 tornano con un lavoro molto più sobrio ed equilibrato – certo, s’intende, nei limiti che questa definizione comporta.
“Being Funny in a Foreign Language” è infatti un disco molto particolare e se ai primi ascolti l’unica cosa che ti domandi è “perché?”, a lungo andare inizierai a risponderti “perché no?”

Nonostante il titolo dell’album, lungo ed ironico esattamente come tutti i precedenti, questa volta i 1975 ci propongono solamente 11 brani, per un totale di 44 minuti di ascolto.

Copertina del disco (fonte immagine: profilo Facebook della band)

Niente male, proprio niente male.

Quello che a primo impatto può sembrare un progetto confuso, poco chiaro e senza una direzione ben precisa, probabilmente è davvero un progetto confuso, poco chiaro e senza una direzione ben precisa: ma la fortuna dei 1975 è che sanno essere estremamente affascinanti nei loro brani e sono riusciti a fare centro.

Probabilmente non era così che doveva andare, perché la produzione ha subìto un cambiamento in corso d’opera, da BJ Burton a Jack Antonoff, ma forse è proprio questo mix incerto e casuale che ha reso il tutto perfettamente funzionante.

I brani

Part Of The Band è il brano più emblemantico e che meglio rappresenta questo cauto avanzare, l’essenza del disco. Uscito come singolo, è stato un assaggio di quello che avremmo poi ascoltato, ovvero una sperimentazione di generi che poggia le basi sulle sonorità che da sempre caratterizzano i 1975: quel pop romantico e synth annebbiato dalle atmosfere anni ’80.

Solo che questa volta c’è di mezzo pure un po’ di country e sì, l’effetto Taylor Swift non li ha risparmiati. Si sente parecchio in “When We Are Together” e anche in “Wintering, lo speciale natalizio di quest’album che sembra più la sigla di una sitcom americana degli anni ’90.

Non che “Looking For Somebody (To Love)” sia da meno: anche questa sembra la sigla di una romantic comedy anni ’80, con quegli echi springsteeniani e ottimismo immotivato a nascondere un significato più oscuro celato nel testo.

I pezzi migliori del disco sono quelli che più di tutti padroneggiano il vecchio stile dei 1975: la magica “Happiness”, la romantica “Oh Caroline” e l’irresistibile “I’m In Love With You”.

No, non vi daremo veramente 1975 motivi per ascoltare Being Funny in a Foreign Language”, ma ne basta uno: questo potrebbe essere tra i migliori dischi di quest’anno!

a cura di
Valentina Dragone

Seguici anche su Instagram!
LEGGI ANCHE – Sting – Mediolanum Forum, Milano, 25 ottobre 2022
LEGGI ANCHE – Tre Allegri Ragazzi Morti: concerto speciale di Halloween

Condividi su
Valentina Dragone

Valentina Dragone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *