Moorano Design: la nascita di un nuovo brand tra origini, arte e libertà

Moorano Design: la nascita di un nuovo brand tra origini, arte e libertà
Condividi su

“Moorano Design” è un nuovo brand d’arte e di design made in Parma, nato dal progetto visionario di tre ragazzi, Marco Lazzari, Edward Russell e Sara Diana, intenzionati a dar vita a qualcosa di unico ed assolutamente inedito: la nuova collezione Soulware. 

“Moorano Design” lancia, per la prima volta in Italia, la sua prima ed interessantissima serie di opere, destinata a far parlare molto di sé tra gli amanti e i collezionisti del settore. 

Sto parlando dei Soulvases e dei Chiloom, una serie di pezzi coraggiosi e rivoluzionari, realizzati, in numero limitato, in vetro di Murano. 

Una nuova linea di lusso, che vuole osare, e lo fa, con audacia. 

Una proposta inedita, che si spinge oltre il concetto di opera d’arte, superandolo. 

I Soulvases e i Chiloom, con le loro tinte sgargianti, possono essere contemplati proprio come si fa con un dipinto, ma nascono per poter appagare tutti e cinque i sensi, regalando un’esperienza totale ed immersiva al proprio fruitore.
Si possono ammirare, annusare, toccare ed assaporare. Scorrere i polpastrelli sulla loro superficie, scoprendola liscia al tatto. Rivolgere lo sguardo al loro interno, ipnotizzati da un turbinio di luci e riflessi. Ascoltarli ribollire sottovoce, ed aspirare piano il loro odore acre. 

Soulware: una nuova collezione da scoprire e da vivere, a pieno. 

Forme e colori 

L’intera collezione balza subito agli occhi per le sue forme e i suoi colori, che, pienamente valorizzati dalle tecniche di lavorazione del vetro di Murano, rendono queste opere prodotti unici nel loro genere. L’armonioso risultato di un dialogo tra design e artigianato, nato dai segreti che i mastri vetrai custodiscono gelosamente tra le mura delle loro fucine, fin dal XIII secolo

Esistono cinque differenti collezioni, prodotte da Moorano: Golden murrinae, Ice, Future home, Arkè e Sommerso.

Ognuna di esse, estremamente singolare e diversa dalle altre, presenta due diverse tipologie di opere, i Soulvases e i Chiloom. I Soulvases sono i più costosi e ricercati, mentre i Chiloom presentano dimensione più piccole, ma non per questo risultano meno degni di nota. 

Alcune collezioni propongono linee più futuristiche, altre sono realizzate con colori pop, decisamente sgargianti. Alcune di queste presentano significati nascosti, derivanti dal background socio-culturale dei loro creatori, altre ancora sono più vicine al gusto di design contemporaneo

Golden murrinae

Il Soulvase di questa collezione è di gran lunga  quello che preferisco. Un pezzo molto pop e prezioso, che trae ispirazione da Gustav Klimt, il quale faceva largo uso dell’oro nei suoi dipinti. Dal gusto decisamente esteta, il Golden murrinae colpisce alla vista, ricercando costantemente il bello in ogni dettaglio

Ice 

Poi ci sono gli Ice, disponibili in quattro versioni, che, con i loro colori sgargianti, traggono ispirazione dalla natura, richiamando alla mente l’idea dell’irregolare imperfezione delle pietre preziose: Ambra, Rubino, Smeraldo e Acqua Marina. 

I pezzi che fanno parte di questa collezione sono molto simili tra di loro, ma differiscono per alcuni impercettibili dettagli, come avviene in natura. 

I Sommersi

Sono tre, tutti Soulvases. Sono le opere più preziose, per quanto riguarda le tecniche di lavorazione e il concept che vi risiede dietro. 

Abbiamo il Constrictor, realizzato su tonalità violacee tendenti al nero.
Quest’opera parla del rapporto tra creatività e società: l’uomo nasce come un essere creativo, dalla natura essenzialmente libera e mutevole, finché, col trascorrere del tempo non si cristallizza in una funzione fissa e stabile, rivestendo un ruolo sociale ben preciso. La corda che stringe l’opera rappresenta, dunque, questo: la morsa soffocante della società sulla creatività e sulla libertà umana. 

C’è poi Gravità sommersa, che cerca di esprimere visivamente il concetto di gravità.
Le bolle si addensano nella parte inferiore, andando a disperdersi maggiormente, dilatandosi, in quella superiore. Ogni cosa, piccola o grande che sia, è collegata e deve sottostare ad un sistema di distribuzione gravitazionale simile a quello presente nell’universo. 

Abisso sommerso trae invece spunto dalla Divina Commedia, richiamando il percorso compiuto dall’anima durante il celebre viaggio dantesco negli Inferi.
Il fumo scende verso il basso, per poi risalire verso l’altro.
Dall’Inferno, passando per il Purgatorio fino al punto più alto, fino al Paradiso. Che sei tu, quando decidi di esserlo. 

Le bolle presenti nella parte inferiore ed i colori stessi con cui l’opera è realizzata richiamano il concetto di Mare Nostrum. Per ricercare la libertà e trovare una via di fuga, si deve compiere un cammino, attraverso l’Inferno, arrivando solo in un secondo momento all’assoluta liberazione, che si realizza con la morte dell’individuo. 

Infine c’è il Timido, un’opera particolarmente introversa e personale, che rivela la sua vera natura solo scrutandovi dentro ed illuminandolo. L’occhio riesce così a cogliere la dimensione sommersa del pezzo: i suoi colori e i suoi dettagli vengono alla luce, rivelando il carattere dell’opera e le sue qualità nascoste.
La dimensione personale che vi risiede dentro. 

Future Home e Arkè

Sono le ultime due collezioni. 

La linea Arkè richiama il principio primo dell’Universo, quello che, secondo la filosofia greca arcaica, ha dato origine e porrà fine al Tutto. Acqua, aria e fuoco, secondo il pensiero di Talete, Anassimene ed Eraclito. La natura torna protagonista all’interno di queste opere, richiamata dalla presenza del blu, del verde e dell’arancio su uno sfondo nero roccioso e primordiale. 

Infine c’è la linea Future Home, per la casa del futuro, realizzata su gradazioni di tonalità verdi-ambrate. Quest’opera celebra gli ideali di libertà, piacere e spiritualità, confinandoli però al sicuro, all’interno di una  dimensione intima domestica. Entro queste mura ha luogo il viaggio, alla ricerca di sé.  

Libertà, Arte ed Origini 

Tutte le opere create da Moorano hanno origine partendo da tre differenti concetti: quello della libertà, dell’arte e delle origini

Queste collezioni, infatti, ci raccontano la più antica storia dell’umanità.
Ci parlano di un desiderio irrefrenabile, quello della libertà. Di origini, da riscoprire e ripercorrere, e della voglia di realizzare qualcosa di unico e di innovativo, che non aspiri ad essere, bensì sia arte. 

Libertà

“Moorano Design” è libertà, una delle massime aspirazioni dell’uomo, destinato da sempre, nel corso della sua vita, a rinunciarvi, a causa della sua cristallizzazione in una forma fissa e stabile, in netto contrasto con quel perenne processo del divenire proprio dei suoi primi anni di vita.

Moorano ricerca questo concetto, espandendolo e reinterpretandolo. Infondendolo all’interno delle sue collezioni, attraverso forme e colori.
Ma anche nella sua stessa essenza, che trova, nello sguardo dell’osservatore, una precisa ragion d’essere, che ne determina la natura.
Senza quello sguardo, questa libertà congenita andrebbe perduta. 
Senza quell’osservatore attento non rimarrebbe che un mero involucro, privo di significato. 

Moorano ci parla di libertà.
Moorano esprime una potenzialità, la possibilità assoluta, declinata nel suo infinitesimo, e non un’essenza determinata, un involucro rigido entro il quale orientarsi e muoversi. 

Arte

Ma Moorano è anche arte, in quanto questa è insita in ognuno di noi, un’antica pulsione che scaturisce dalle profondità della nostra anima, acquisendo per ciascuno un diverso significato.

La volontà di produrre arte in linea con canoni estetici del bello e con le ultime tendenze, è un punto fermo quando si parla di design, che è dominato dal principio dell’ars gratia artis

Il brand supera questo concetto dell’arte fine a se stessa, e ha il coraggio di spingersi oltre, fornendoci, sì, opere uniche nel loro genere, che sanno colpirci con le loro varietà di forme e di colori, con i quali si divertono a giocare. Ma donandoci anche, al contempo, un’esperienza sensoriale totalmente immersiva attraverso, come già detto, l’utilizzo di tutti e cinque i sensi

Storia ed Origini

Parlando invece delle origini, Moorano ci racconta una storia, quella che ha dato inizio al progetto.
Quella di Marco, nato e cresciuto a Venezia, e trasferitosi successivamente a Parma in prima superiore.

Fin da bambino, Marco era entrato più volte in contatto con gli oggetti prodotti all’interno delle fucine di Murano, dove lavorava il nonno, rimanendone decisamente affascinato. Più avanti, acquisendo la consapevolezza di poter esprimere qualcosa di suo utilizzando questi materiali, il ragazzo torna alle origini, avvantaggiato dalla possibilità di avere già stretti contatti e di conoscere l’ambiente e i materiali. 

Ma anche la storia di Sara ed Edward, che, attraverso il loro percorso culturale e l’istruzione ricevuta, sono capaci di osservare il mondo da un diverso punto di vista, ponendosi, nei confronti di esso, in una prospettiva di maggiore apertura. 

O la storia di una tradizione, quella dei mastri vetrai di Murano che fin dal XIII secolo realizzano, con le loro tecniche, pezzi artigianali di grande valore. Quella di una produzione artigianale mai scomparsa nel tempo, in cui risiede tutta l’autenticità del pezzo, che contribuisce a rende il prodotto unico e prezioso. 

Un ponte tra Passato e Futuro 

Soulware è dunque questo: una creazione capace di trascendere spazio e tempo, partendo dall’antica tradizione di Murano per poi arrivare a discostarsene nettamente. 

Gettando un ponte, tra passato e futuro, un vero vanto per il made in Italy. 

Moorano è stata, infatti, il primo brand in Italia ad aver sviluppato all’interno di un sistema informatico e futuristico un prodotto artigianale realizzato in vetro di Murano, colmo di storia e di significato.
Questo collegamento tra mondo fisico e mondo digitale è stato realizzato mediante l’utilizzo degli NFTs, che permettono allo spettatore di immergersi totalmente all’interno delle opere, e convertendo i pezzi in Digital Artworks, tutelandoli al meglio con la tecnologia Blockchain. 

A chi sono rivolte queste opere?

Sicuramente a tutte quelle persone in grado di comprende il messaggio racchiuso all’interno di esse. Ma anche a chi ha bisogno di una scossa, desideroso di liberarsi dalle catene e dagli schemi imposti dalla società, perseguendo un ideale di libertà. 

Queste collezioni non sono per tutti: analogamente all’arte contemporanea, per apprezzare a pieno Soulware il suo fruitore dovrà conoscerne il significato nascosto. O essere indotto a capirlo da solo, attraverso l’arte stessa, vera Musa ispiratrice, ponendosi lui in primis alcune domande. 

La nuova collezione della “Moorano Design” presenta dunque opere esclusive, rivolte ad un’élite culturale ben precisa.

A cura di
Maria Chiara Conforti

Seguici anche su Instagram!
LEGGI ANCHE – “Caravaggio”: tra la luce e l’oscurità
LEGGI ANCHE –
Renato Caruso inaugura la mostra “Ignazio Stella (Stern). Dalla collezione Cavallini Sgarbi”
Condividi su
Maria Chiara Conforti

Maria Chiara Conforti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *