GUIGNOL: il 28 febbraio fuori “Luna Piena e Guardail”

GUIGNOL: il 28 febbraio fuori “Luna Piena e Guardail”
Condividi su
Pier Adduce e band tornano da un tour live mai interrotto con un nuovo disco

Nove tracce dal piglio post punk, istantanee notturne raccontate in musica.
Un blues primordiale tra un omaggio a Tenco, suggestioni letterarie e polaroid di vita quotidiana.

Notturno, mobile, a tratti sfuggente, con improvvisi squarci di luce, Luna Piena e guard rail è il nuovo disco dei Guignol. Nove tracce dal piglio post punk, venate di blues in cui il frontman Pier Adduce raccoglie la lezione del grande scrittore russo Anton Čechov.

“Non dirmi che la luna splende, mostrami il riflesso della sua luce nel vetro infranto”. Un pugno di nuove canzoni, che arriva dopo Porteremo gli stessi panni (2018), Abile labile (2016) e un infinito tour live mai interrotto.

Il disco è un susseguirsi di frammenti di vita immortalati in istantanee, storie in forma di canzone che si snodano in un percorso notturno attraversato da lampi di vita quotidiana.

Luna piena e guardrail è l’ottavo album della band milanese

Un disco di forti contrasti e contrapposizioni, di luci e ombre che si aggirano e alternano come su una giostra. Un disco dove crisi individuali e generali coincidono con la sconfitta definitiva o la riscoperta o il ritrovamento, talvolta, di se stessi.

“Tutto ha origine da un blues primordiale: una suggestione che porta a un testo, un testo che suggerisce il suono e il piede che batte il ritmo delle parole, solo dopo arriva l’armonia” spiega Pier Adduce.

Un approccio scarno ed essenziale, che prende corpo attraverso immagini evocative, tra folk, post rock ed echi di chansonnier francesi e italiani e un songwriting in cui affiorano echi letterari del secolo scorso, ormai. Dal Deserto dei Tartari di Dino Buzzati, alle Città Invisibili di Italo Calvino citati nel disco.

Questi paesaggi notturni, domestici, urbani o desolati non luoghi sono abitati da figure scricchiolanti, claudicanti, fragili eppure indomite, che appaiono sotto i chiari della luna piena dei Guignol, che nel disco omaggiano anche Luigi Tenco, riarrangiando e suonando la sua scarna e appassionata Se potessi.

Una band rinnovata e ritrovata accompagna Pier Adduce

Dalla sezione ritmica di Paolo Libutti al basso e Michele Canali alla batteria, alla chitarra elettrica di Antonio Marinelli,insieme a Maurizio Boris Maiorano, impegnato con organo, piano e tablet. 

I testi sono più declamati e cantati e la voce di Pier Adduce come lume nel buio guida l’ascoltatore nel profondo del disco con piglio più che mai teatrale e un timbro quasi da crooner, tra sonorità post punk, blues e roots e una fisicità del suono, che ora si fa trascinante, ora tenue e delicato, quasi malinconico, tratteggiato dai violini di Massimiliano Gallo e dalle voci di Max La Rocca e Susanna Buffa. 

Registrato nell’autunno 2019, Luna piena e guard rail è prodotto, mixato e masterizzato da Giovanni Calella del Diabolicus Studio e Guignol.

Tracklist

Il vizio
Il pendolo
Un altro modo
Via Crucis
Le Bonheur
Notte di fine luglio
Zio zio
Se Potessi (Luigi Tenco)
Luna Piena e Guardrail

Comunicato stampa

Seguici anche su Instagram!

LEGGI ANCHE – I Legno stanno per tornare con tante belle novità
LEGGI ANCHE – Bad Boys For Life: l’età avanza anche per loro

Condividi su
Staff

Staff

La redazione di The Soundcheck: un branco di giornalisti, redattori, fotografi, videomaker e tanti altri collaboratori agguerriti provenienti da tutto lo Stivale pronti a regalarvi una vasta gamma di contenuti. Dalla semplice informazione artistico-culturale, fino ad approfondimenti unici e originali nel campo della musica, dell'arte, della letteratura e della cultura a 360 gradi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *