SoundBuzz: i The XX e l’album rilasciato a un solo fan

SoundBuzz: i The XX e l’album rilasciato a un solo fan
Condividi su

Nel SoundBuzz di questo mese vi parlerò di Coexist, il secondo album della band indie inglese, The xx.

Un disco minimalista

Coexist è un disco minimalista, perfettamente coerente con lo stile dei The xx. Gli arrangiamenti fanno pensare a spazio e galassie lontane, con il consueto scarso dinamismo tipico della loro musica. Pochi accordi ostinati, insomma. Il chitarrista Romy Madley Croft e il bassista Oliver Sim scrissero i testi: una sorta di monologo interiore dove, con alcune metafore, viene esplorata la dinamica di una storia d’amore fallimentare. Non sono questi gli elementi più interessanti dell’album, per quanto mi riguarda, ma la sua pubblicazione.

L’album venne infatti rilasciato il 5 settembre 2012, in modo molto particolare. Dal momento che il primo disco della band era andato bene, anzi benissimo, per Coexist la casa discografica dei The xx, la XL Young Record di Young Turks, decise di fare qualcosa di insolito: siglò un accordo con Microsoft per tracciare la condivisione del flusso dell’album. I The xx collaborarono insieme ai progettisti in modo che venisse realizzata una mappa globale di tutte le condivisioni.

Il fan privilegiato

La band, prima del lancio ufficiale del disco, ha dato a un solo fan, da qualche parte nel sudest dell’Inghilterra, l’indirizzo web dove vedere una preview completa dell’album. Lo stream di Coexist venne infatti pubblicato su un sito host al momento della sua uscita e condiviso con un fan tramite Facebook. La loro speranza era che lo condividesse con altri fan, innescando un passaparola virtuale sul loro secondo album. In aggiunta venne creata una pagina interattiva dalla quale era possibile monitorare lo stato del flusso streaming e la sua diffusione nel mondo.
Il flusso si è arrestato in modo anomalo nelle prime 24 ore dopo essere stato condiviso con milioni di utenti. Il passaparola ha infatti provocato il crash del sito host: milioni di stream con una media di 2,1 ore trascorse sul sito, da parte dell’utente medio.

Il fan è stato l’unico ad ascoltarlo per circa un’ora“, ha dichiarato Adam Farrell di Beggars Group, il dirigente dell’etichetta distributore di Young Turks. Una volta che il superfan ha rilasciato lo stream, il disco si è rapidamente diffuso nella comunità online dei The xx, evitando i blog musicali che sono riusciti ad entrarne in possesso solo il giorno successivo.

Reddit

Successivamente ha raggiunto il sito di notizie social Reddit, dove i fan hanno fatto una campagna per condividere l’album in tutti i paesi possibili. Farrell ha dichiarato che quella di Coexist è stata “una delle anteprime di album più significative che abbiamo mai fatto“. Si è trattato un esperimento unico nel suo genere, che però ha permesso di tracciare e misurare la portata virale del lancio partendo da un unico link al sito preview.
Quello che è successo con il primo album è stato un vero e proprio passaparola che non avevamo mai visto prima“, ha dichiarato il dirigente a The Guardian, è stato quindi necessario trovare un modo per ispirare lo stesso tipo di virtalità.

Coexist ha debuttato al numero uno nella classifica ufficiale degli album con vendite della prima settimana di 58.266 copie nel Regno Unito ed è uscito nella prima posizione delle classifiche in Belgio, Nuova Zelanda, Portogallo, e Svizzera. Negli Stati Uniti, ha debuttato al numero cinque della Billboard 200 con 73.000 copie vendute nella sua prima settimana.

a cura di
Daniela Fabbri

Seguici anche su Instagram!
LEGGI ANCHE – Bike-In: gli eventi live ripartono dalla bici
LEGGI ANCHE –
CNN: quarant’anni di rivoluzione dell’informazione
Condividi su
Daniela Fabbri

Daniela Fabbri

Sono nata nella ridente Rèmne, Riviera Romagnola, nel 1985. Copywriter. Leggo e scrivo da sempre. Ho divorato enormi quantità di libri, ma non solo: buona forchetta, amo i racconti brevi, i viaggi lunghi, le cartoline, gli ideali e chi ci crede. Nutro un amore, profondo e viscerale, per la musica, in tutte le sue forme. Sono fermamente convinta che ogni momento della vita debba avere una colonna sonora. Potendo scegliere, vorrei che la mia esistenza fosse vissuta lentamente, come un blues, e invece sono sempre di corsa. Mi piacciono gli animali. Cani, gatti, procioni. Tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *