Fair Play Menarini, Sabatini: “Premio importante per i valori in cui credo”

Condividi su

(Adnkronos) – "Sono molto felice di essere partecipe di questa premiazione, è molto importante: mai mi sarei aspettata di raggiungere questi livelli e di essere in mezzo a tante grandi personalità dello sport. Fair play per me significa rispetto delle regole, rispetto dell'avversario: è un valore in cui credo tantissimo, e lo dimostriamo anche noi in campo, io con le mie compagne di squadra. Tra noi c'è un bellissimo rapporto, è bello sempre vedere questo tipo di amicizia che si crea in campo". Lo ha detto Ambra Sabatini, portabandiera dell'Italia ai Giochi Paralimpici di Parigi 2024, parlando con i giornalisti a margine della cerimonia della 28/a edizione del Premio Internazionale Fair Play Menarini al Teatro Romano di Fiesole (Firenze), dove ha ricevuto il Premio per la categoria 'Lo sport oltre lo sport'. "Essere la portabandiera dell'Italia ai Giochi Paralimpici di Parigi 2024 arà sicuramente un'emozione incredibile, Per me essere portabandiera a questa Paralimpiade è un onore immenso, è una cosa che non mi aspettavo e per me è una gioia immensa. Essere lì vuol dire rappresentare l'Italia, gli italiani, tutte le speranze degli atleti che partecipano e di tutti i tifosi che ci seguono, quindi è una grande responsabilità e cercherò di ricoprirla al massimo delle mie possibilità sia fuori che dentro il campo -ha detto Ambra Sabatini-. Speriamo di replicare il podio tutto tricolore, è un'immagine che è rimasta un po' nel cuore di tutti: ognuno darà il massimo, ovviamente in campo c'è della rivalità anche tra di noi, però siamo forti, siamo amiche, c'è anche supporto tra di noi, quindi l'obiettivo è anche quello di fare un podio tutto tricolore – ha aggiunto Sabatini – L'emozione cresce, soprattutto quando ho ricevuto la notizia del portabandiera. Ero dal tecnico, stavo facendo degli aggiustamenti della protesi, e mi ha chiamato il presidente Pancalli, dicendomi che avevano fatto la riunione per scegliere il portabandiera e che avevano pensato proprio a me. Sono rimasta un po' perplessa, poi paralizzata, e piano piano e ho iniziato ad avvisare tutti i miei parenti e amici".  —sportwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Condividi su

Staff

La redazione di The Soundcheck: un branco di giornalisti, redattori, fotografi, videomaker e tanti altri collaboratori agguerriti provenienti da tutto lo Stivale pronti a regalarvi una vasta gamma di contenuti. Dalla semplice informazione artistico-culturale, fino ad approfondimenti unici e originali nel campo della musica, dell'arte, della letteratura e della cultura a 360 gradi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *