Gli artisti che hanno influenzato il sound dei 2010s

Gli artisti che hanno influenzato il sound dei 2010s
Condividi su

Gli anni Dieci del Ventunesimo Secolo saranno ricordati come una decade anomala. Si è stati di fronte alla prima pienamente digitale, quella dove Internet ha sostituito i network televisivi e radiofonici che prima dettavano legge (esistono ancora entrambi eh, ma sembrano raccontare un mondo diverso da quello reale), e per questo motivo non è la prima che ha lanciato gli artisti grazie ai social media i social media: gli Arctic Monkeys, giusto per citare un nome gigantesco, ottennero fortune diversi anni prima grazie al dimenticato MySpace. 

E la vera rivoluzione, quella dello streaming dominato da colossi del settore come Spotify, Apple ed Amazon, i 2010s l’ha vissuta nella sua massima espressione solamente nella seconda metà del decennio, rendendo fruibile a molti un catalogo infinito ad un costo contenuto, che siano i dieci euro al mese o lo spot dell’ultimo disco di Fedez ogni mezz’ora.

Un decennio che ai più vecchi, quelli che hanno avuto la fortuna di vivere da teenager periodi oggettivamente più floridi come gli anni Ottanta e Novanta, potrebbe essere sembrato avaro di nuovi talenti, ma che in realtà ha sfoderato un caleidoscopio incredibile di artisti, alcuni diventati star di fama mondiale e altri che sono diventati il riferimento dei teenager o, in alcuni casi, di un pubblico più trasversale. 

Un periodo storico rappresentato, in maniera più o meno esaustiva, da una lista di venti nomi, più cinque provenienti dall’Italia perché il nostro mercato si conferma una realtà a sé, dai quali vi sono eccellenti esclusioni: chi è arrivato già clamorosamente famoso (Rihanna, Beyoncé, Katy Perry) e chi in realtà raccoglierà il seminato nel prossimo decennio (Dua Lipa e tutta l’ondata k-pop). Con un’eccezione pazzesca, recentissima ed impossibile da ignorare.

Adele – L’ultima grande diva
Se c’è una persona che in questo decennio ha ripercorso il grande successo delle dive del passato, questa è Adele, l’unica cantante capace di vendere decine di milioni di copie con due album iconici ed incidere successi entrati nell’immaginario collettivo.
Album consigliato: 21

Ariana Grande – L’usignolo del pop
Con molta probabilità, il più cristallino talento uscito negli ultimi anni, capace di conciliare l’attività solista con collaborazioni con numerosi artisti di grido. E che ricorderà tragicamente il 2017 per l’attentato avvenuto durante un suo concerto a Manchester.
Album consigliato: Thank U, Next

Billie Eilish – Il terremoto postmillennial
Un successo travolgente che l’ha portata, ancora minorenne, ad un tour nei festival, con le immagini del Reading Festival che hanno convinto i più ad eleggerla come riferimento di un’intera generazione. E con un tour da headliner nei festival e nei palazzetti in arrivo nel 2020.
Album consigliato: When We Fall Asleep, Where Do We Go?

Bruno Mars – L’erede di Michael Jackson
Showman, entertainer e autore del secondo più bel halftime show del Super Bowl di sempre, ma solo perché in vetta c’è l’inarrivabile Prince. L’unico artista pop di sesso maschile ad ottenere un successo mondiale, grazie anche a collaborazioni come quella Uptown Funk con Mark Ronson.
Album consigliato: Doo-Wops and Hooligans

Drake – Da DeGrassi a star mondiale
Uno dei rari casi di teen star capace di costruirsi una carriera ancora più di successo da adulto. Pur essendo praticamente ignorato in Italia salvo alcune eccezioni (Hotline Bling), all’estero è praticamente una star di primissimo grido. Oltre a detenere numerosi record di vendite.
Album consigliato: Take Care

Ed Sheeran – Dal pub al Wembley Stadium
Lo troverete in molte, se non tutte, le classifiche di questo genere da qui a fine anno. E giustamente: un successo travolgente come quello di Ed Sheeran, capace di costruirsi letteralmente da solo una carriera incredibile, è encomiabile.
Album consigliato: +

Foo Fighters – L’ultima grande rock band
Sì, sono in giro da più di vent’anni e il loro leader, Dave Grohl, lo ricordiamo bene come batterista dei Nirvana. In un decennio dove il rock esiste ma sembra moribondo, la band statunitense rimane quell’ancora nella quale molti cercano certezze. 
Album consigliato: Wasting Light

Imagine Dragons – Quando il rock diventa pop
In un decennio ricco di artisti solisti e povero di nuove band, gli Imagine Dragons sono uno dei pochi artisti capaci di ottenere un seguito di massa. Compreso in un mercato italiano dove, a Milano, fecero il loro concerto con maggiore affluenza.
Album consigliato: Evolve

Kanye West – The 21st Century Schizoid Man
Inizia il decennio con quello che si può tranquillamente considerare uno dei migliori album del nuovo millennio (My Beautiful Dark Twisted Fantasy) per poi proseguire tra genialità, collaborazioni (Watch The Throne) e un esaurimento nervoso, con un 2019 che si chiude con la svolta gospel. Se bisogna indicare la personificazione di un decennio impazzito, il dito va puntato su di lui.
Album consigliato: My Beautiful Dark Twisted Fantasy

Kendrick Lamar – Il rapper con il premio Pulitzer
Il decennio ha visto il rap trionfare alla grande ma, in un mondo di mediocrità e di artisti fatti con lo stampino, il talento lirico di Kendrick Lamar è emerso facendolo diventare il primo rapper a vincere l’ambito premio culturale.
Album consigliato: To Pimp A Butterfly

Lady Gaga – The new Madonna
Il decennio lo ha iniziato sull’onda di Poker Face e Bad Romance, ma è grazie anche a Telephone che il suo successo diventa mondiale. Un camaleonte capace di mettere i piedi in testa a molti, con un talento che l’ha portata ad esplorare più generi e che nel suo curriculum vanta nomi come Tony Bennett.
Album consigliato: The Fame Monster

LCD Soundsystem – Luci e ombre di New York City
Hanno chiuso la prima parte della carriera nel 2011, con una residency a New York City di cinque serate tra Terminal 5 e Madison Square Garden, per poi tornare verso la fine con un’inattesa reunion e un disco, American Dream, che conferma il fatto che ci mancavano tantissimo.
Album consigliato: American Dream

Lorde – Dalla Nuova Zelanda con colore
Esplosa come un fulmine a ciel sereno con Royals, la cantante di Auckland è riuscita a confermarsi con il successivo Melodrama, considerato da molti come una gradita conferma, che l’ha portata in giro per il mondo per un tour di grande successo. Il 2020s sarà anche il suo decennio
Album consigliato: Melodrama

One Direction – La boy band millennial
Con la Corea del Sud che in ambito boy band sembra voler dettare legge, gli europei One Direction sono il più enorme successo internazionale uscito da un talent show, l’X Factor inglese. Ormai sciolti, hanno lasciato in eredità quell’Harry Styles che negli anni diventerà una star del pop più sofisticato.
Album consigliato: Midnight Memories

Rudimental – La Drum ‘n’ Bass a Londra 2012
Impossibile non citare quella band che, con il singolo Feel The Love, è riuscita a spodestare Survival dei Muse, facendola diventare inno di fatto delle Olimpiadi di Londra 2012. Il collettivo di Hackney, con i successivi tre lavori, ha confermato le attese, inanellando importanti collaborazioni come quella con Macklemore (These Days).
Album consigliato: Home

Skrillex – La massima espressione della Dubstep
Un successo fulmineo che ha navigato la moda del momento ma che, sfogliando le pagine del decennio, è impossibile ignorare: i suoni bombastici, i drop telefonati e il suo look iconico non possono assolutamente passare in secondo piano.
Album consigliato: Scary Monsters And Nice Sprites

Sleaford Mods – Il ritorno del punk inglese
Band incazzata con tutto e tutti che ha fatto del lofi e delle basi registrate con un PC una bandiera di orgoglio e di autentico successo. Nessuno meglio del duo composto da Jason Williamson e Andrew Fearn ha raccontato il Regno Unito contemporaneo, in bilico tra l’essere cosmopoliti e un mai sopito nazionalismo esploso con la Brexit.
Album consigliato: Divide And Exit

Steven Wilson – Il progressive rock nella miglior forma
Lo abbiamo conosciuto come leader dei Porcupine Tree ma la sua carriera solista, che si è sviluppata in questo decennio, lo ha portato a diventare il leader di un movimento che vuole portare il progressive rock, ancorato al passato, verso il futuro. E con un tour nei palasport in imminente arrivo.
Album consigliato: Hand.Cannot.Erase

Swedish House Mafia – The Godfathers of EDM
Se la EDM ha ottenuto un successo stellare nel corso del decennio è anche grazie agli Swedish House Mafia, capaci di far diventare i DJ delle rockstar grazie anche a nomi più rodati nel circuito come David Guetta e Tiesto. Di nomi da ricordare nel genere ce ne sono tanti, ma i precursori sono e rimangono loro.
Album consigliato: Until Now

Taylor Swift – Tanto pop(olare) quanto bistrattata
Tanti detrattori quanti fan, tanti album di successo per una star così perfetta da sembrare finta. Una carriera costruita nel minimo dettaglio, inizialmente restìa allo streaming ma che l’ha confermata negli anni come un’artista capace di evolversi con naturalezza dal country al pop. E con in bacheca il singolo pop simbolo dell’intera decade (Shake It Off).
Album consigliato: 1989

Bello Figo – In bilico tra genio e barzelletta
Nato come progetto folle di un immigrato ghanese, negli anni Bello Figo è diventato il padre del lol rap e, a suo modo, colui che ha anticipato la trap in Italia. In bilico tra l’essere un autentico idiota e un genio incompreso, ha ottenuto la (meritata?) gloria a fine 2016 con No Pago Afito.
Album consigliato: Pasta Con Tonno (singolo)

Calibro 35 – Una riuscita Operazione Nostalgia
Nato come progetto che poteva sembrare estemporaneo, con il produttore Tommaso Colliva in cabina di regia, il supergruppo ha fatto riscoprire negli anni la musica dei film poliziotteschi degli anni Settanta. Con una gradita sorpresa: la capacità di scrivere anche del materiale inedito.
Album consigliato: Ritornano Quelli Di..

Cesare Cremonini – La faccia pulita del pop tricolore
Dopo il successo fulmineo dei Lunapop, il bolognese Cesare Cremonini è riuscito in questo decennio a diventare l’autore di uno dei pop più di classe e meglio scritto della nuova ondata. Un artista destinato a durare negli anni.
Album consigliato: Possibili Scenari

Salmo – Dal punk al rap con furore
Di tutta l’ondata rap esplosa nel decennio, Salmo è l’unico ad avere dimostrato di avere una sostanza e la visione per far evolvere la sua opera. Incazzato con il mondo e, di fatto, un vecchio rispetto a molte giovani leve, l’ex punk arriverà il prossimo anno negli stadi d’Italia. Un successo costruito lentamente ma meritato.
Album consigliato: Death USB

Tommaso Paradiso – L’It Pop alla massima potenza
Partito come membro dei Thegiornalisti, una delle tante indie pop band tricolori che abbiamo conosciuto nel decennio, Tommaso Paradiso negli anni riesce a diventare un influente autore per nomi più affermati e, per un paio di anni, ha inciso quella che in molti collegheranno alla rispettiva estate.
Album consigliato: Felicità Puttana (singolo)

Cover photo credit: crommelincklars [CC BY 2.0], via Wikimedia Commons

a cura di
Nicola Lucchetta

Condividi su
Staff

Staff

La redazione di The Soundcheck: un branco di giornalisti, redattori, fotografi, videomaker e tanti altri collaboratori agguerriti provenienti da tutto lo Stivale pronti a regalarvi una vasta gamma di contenuti. Dalla semplice informazione artistico-culturale, fino ad approfondimenti unici e originali nel campo della musica, dell'arte, della letteratura e della cultura a 360 gradi!

Un pensiero su “Gli artisti che hanno influenzato il sound dei 2010s

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *