Bryan Adams- Unipol Arena- 14 dicembre

Bryan Adams- Unipol Arena- 14 dicembre
Condividi su

Ci sono artisti che non smettono mai di emozionarmi e che continuerei a rivedere all’infinito: Bryan Adams è in cima a questa lista.

Non so se siano i ricordi legati alle sue canzoni, ognuna delle quali ha per me un significato speciale, o se sia semplicemente perché reputo la sua musica meravigliosa ma per me Bryan, la sua chitarra e la sua voce sono una sorta di coperta di Linus. Ogni suo concerto è una boccata d’aria fresca e mi regala una sensazione di gioia.

Quello di Bologna è stato un concerto speciale: il centesimo show dall’inizio dell’anno. Credo che molti musicisti farebbero carte false per arrivare a 60 anni e calcare il palco come lui, inanellando un concerto dopo l’altro, senza fermasi e senza perdere un colpo.

Poco prima dell’inizio dello show un coloratissimo video ha spiegato che, in collaborazione con la DHL, per ogni biglietto venduto del Shine a Light Tour sarebbe stato piantato un albero. E’ la voce del canadese che ci spiega questo progetto. “Se avete un biglietto, per favore, alzate le mani […] Immaginate, ognuna di queste mani è un albero. Ora immaginate 80 show, di questo tour, pieni di mani e avrete un intera piccola foresta”. Una bella iniziativa, degna di un artista da sempre attento alle tematiche ambientali.

La scaletta, rispetto al concerto dello scorso anno, ha subito poche variazioni: fuori Ultimate Love per fare spazio a The Last Night on Earth e Shine a Light, canzone che da il titolo all’album uscito a marzo.

I grandi classici come Summer of ’69 ( che il pubblico chiedeva a gran voce), Everithyng I Do, Here I Am e Please Forgive Me (in cui ricorda e ringrazia i genitori) sono state intervallate alle canzoni richieste dal pubblico. Ed è così che Bryan ci regala delle piccole perle: da un classico del rock come Seven Nights to Rock, a brani del canadese come All or Nothing o Remember.

Il momento più emozionante del concerto però credo che sia il finale. Quando sul palco ci sono solo Bryan con la sua chitarra. Quest’anno, siccome Natale è vicino ed è da poco uscito l’ep Christmas, ha deciso di regalarci Something About Christmas Time, prima di chiudere con la classica All For Love.

Non riesco a trovare le parole giuste per descrivere il carosello di emozioni che ho provato nel corso del concerto: gioia, malinconia, felicità…un vortice di emozioni che si sono susseguite ininterrottamente per oltre due ore.

Bryan Adams è una certezza, ogni suo concerto è un regalo per il suo pubblico e non possiamo fare altro che augurargli di continuare così; a donarci canzoni che non smettano di farci sognare.

A cura di
Laura Losi

Condividi su
Laura Losi

Laura Losi

Laura Losi è una piacentina classe 1989. Si è laureata in Giornalismo e Cultura Editoriale presso l’Università degli Studi di Parma con una tesi sulla Comunicazione Politica di Obama. Avrebbe potuto essere un medico, un avvocato e vivere una vita nel lusso più sfrenato, ma ha preferito seguire il suo animo bohemien che l’ha spinta a diventare un’artista. Ama la musica rock (anche se ascolta Gabbani), le cose da nerd (ha una cotta per Indiana Jones), e tutto ciò che riguarda il fantasy (ha un’ossessione per Dragon Trainer). Nel 2015 ha pubblicato il suo primo romanzo “Tra le Rose” e a breve vedrà la luce anche la sua seconda fatica, il cui titolo rimane ancora avvolto nel mistero (solo perché in realtà lei non lo ha ancora deciso).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *