Black Winter Fest XI – Campus Industry Music – 1 dicembre 2018

Black Winter Fest XI – Campus Industry Music – 1 dicembre 2018
Condividi su

Gli affamati di metal ieri hanno trovato pane per i loro denti.

Al Campus Industry Music di Parma si è infatti svolta l’undicesima edizione de Black Winter Fest, festival metal nella sua anima più dura e cruda.

Dalle 15:00 si sono alternate sul palco del locale band internazionali provenienti da tutta Europa, in particolare dai paesi scandinavi, dove il black metal raggiunge forse il massimo spessore.

Tra queste alcune in Italia per la prima volta, come i finlandesi Antimateria o gli scozzesi Saor, mentre altri, come i norvegesi Tsjuder sono tornati dopo anni di assenza e come unica tappa nel nostro paese.

Il gruppo più acclamato, però, è stato l’ultimo ad esibirsi: i Marduk, che hanno presentato il loro ultimo album Viktoria.

Circa dodici ore di musica che hanno attirato numerosi fedeli, italiani e non, ad una manifestazione che sembrava più un rito pagano che un vero e proprio concerto.

Scaletta della giornata:

• Afraid of Destiny (Italia)
• Scuorn (Italia)
• Attic (Germania)
• Sojourner (Nuova Zelanda/Svezia/Italia)
• Antimateria (Finlandia)
• Saor (Finlandia)
• Acherontas (Grecia)
• Valkyrja (Svezia)
• Archgoat (Finlandia)
• Tsjuder (Norvegia)
• Marduk (Svezia)

Marduk

Tsjuder

Archgoat

Valkyrja

Acherontas

Saor

Antimateria

Sojourner

Attic

Scuorn

Afraid of Destiny

Testo e foto a cura di
Mirko Fava

Condividi su
Mirko Fava

Mirko Fava

Mirko Fava nasce a Parma il 23/04/1991. Ha un diploma da geometra che ha usato per poco tempo, prima di diventare impiegato. Ha cominciato ad appassionarsi di musica negli anni delle superiori ed è andato alsuo primo concerto nel 2007, portandosi dietro una delle prime digitali compatte di suo padre, ottenendo scarsissimi risultati. La passione per la fotografia è cominciata parallelamente a quella per i concerti, anche se a tutti gli effetti si è sviluppata definitivamente dopo qualche anno. La macchina fotografica lo accompagna anche in viaggio, alla costante esplorazione del mondo. Tutte passioni economiche, in pratica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *